iye-logo-light-1-250x250
Webzine dal 1999
Cerca
Close this search box.

Lame Live Report

Un gran concerto; di quelli che andrebbero raccontati. A Roma, nonostante tutto, ultimamente sta succedendo spesso.

Lame Live Report

(Fanfulla 5a mercoledi 23 novembre 2016)

I mercoledi romani stanno prendendo una piega molto molto interessante; nonostante gli sgombri, nonostante le chiusure preventive e nonostante il clima monsonico delle ultime settimane questa città, a livello di musicale, sembra più viva che mai. A conferma di ciò questo 23 novembre c’è un appuntamento imperdibile per gli appassionati rockerz capitolini. Al Fanfulla 5a  arrivano i Lame; trio di casa a Torino che oggi  presenta il loro nuovo disco dopo il brillante esordio Shall Enter First per Alien Snatch Records. Trattasi di uno split a 12’ con i miei concittadini Big Mountain County per la nostrana Annibale Records.

Arrivo al circolo arci di via Fanfulla da Lodi poco prima delle 23.30 e noto con piacere che la band ancora non è salita sul palco; con dispiacere invece prendo atto sia che il pubblico non è quello delle grandi occasioni, sia che sul banchetto del merch non c’è il disco di cui sopra; che invece avrei volentieri fatto mio. Tempo di ordinare da bere al bancone e la band attacca sul palco. Magicamente la sala comincia ad affollarsi.  I Lame partono lenti e il mio ricordo di un loro live fotonico in quel del Binic Festival dopo due pezzi sembra svanito.

Ma il trio piemontese mi fa subito ricredere; forse da musicisti navigati quali sono – Massimo Scocca e Stefano Isaia alle chitarre e Maria Mallol Moya alla batteria – aspettavano che il pubblico si scaldasse; ma alzano rapidamente il tiro incanalando il loro show in un continuo mescolarsi di blues marcio, punk tossico e ballate distorte. Roba da perderci la testa; come certi sguardi. Non sono l’unico; a guardarsi attorno infatti il parterre è di tutto rispetto e tutti  sembrano ondeggiare a questo Up & Down malefico della band. Ci hanno in pugno, affondano i lori  ritmi come lame calde su un panetto di hashish.

Lo spettacolo è ai limiti del catartico. Poi arriva la loro hit Cold Night; certe serate ti bruciano dentro anche se fuori fa terribilmente freddo.

Un gran concerto; di quelli che andrebbero raccontati. A Roma, nonostante tutto, ultimamente sta succedendo spesso.

 

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

On Key

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE

Blazing Eternity – A Certain End of Everything

Un eccellente album come A Certain End of Everything può sorprendere solo chi non conosce i Blazing Eternity a causa del loro lungo silenzio discografico, perché sulle doti intrinseche di questa band non ci sono mai stati soverchi dubbi.

KID CONGO & PINK MONKEY BIRDS – THAT DELICIOUS VICE

Quando sai che là fuori è uscito del nuovo materiale pubblicato da una piccola grande leggenda del rock ‘n’ roll come Kid Congo Powers (ex chitarrista di Gun Club, Cramps e Nick Cave & the Bad Seeds, giusto per citare alcune band in cui ha