Lame Live Report

Lame Live Report

Un gran concerto; di quelli che andrebbero raccontati. A Roma, nonostante tutto, ultimamente sta succedendo spesso.

(Fanfulla 5a mercoledi 23 novembre 2016)

I mercoledi romani stanno prendendo una piega molto molto interessante; nonostante gli sgombri, nonostante le chiusure preventive e nonostante il clima monsonico delle ultime settimane questa città, a livello di musicale, sembra più viva che mai. A conferma di ciò questo 23 novembre c’è un appuntamento imperdibile per gli appassionati rockerz capitolini. Al Fanfulla 5a  arrivano i Lame; trio di casa a Torino che oggi  presenta il loro nuovo disco dopo il brillante esordio Shall Enter First per Alien Snatch Records. Trattasi di uno split a 12’ con i miei concittadini Big Mountain County per la nostrana Annibale Records.

Arrivo al circolo arci di via Fanfulla da Lodi poco prima delle 23.30 e noto con piacere che la band ancora non è salita sul palco; con dispiacere invece prendo atto sia che il pubblico non è quello delle grandi occasioni, sia che sul banchetto del merch non c’è il disco di cui sopra; che invece avrei volentieri fatto mio. Tempo di ordinare da bere al bancone e la band attacca sul palco. Magicamente la sala comincia ad affollarsi.  I Lame partono lenti e il mio ricordo di un loro live fotonico in quel del Binic Festival dopo due pezzi sembra svanito.

Ma il trio piemontese mi fa subito ricredere; forse da musicisti navigati quali sono – Massimo Scocca e Stefano Isaia alle chitarre e Maria Mallol Moya alla batteria – aspettavano che il pubblico si scaldasse; ma alzano rapidamente il tiro incanalando il loro show in un continuo mescolarsi di blues marcio, punk tossico e ballate distorte. Roba da perderci la testa; come certi sguardi. Non sono l’unico; a guardarsi attorno infatti il parterre è di tutto rispetto e tutti  sembrano ondeggiare a questo Up & Down malefico della band. Ci hanno in pugno, affondano i lori  ritmi come lame calde su un panetto di hashish.

Lo spettacolo è ai limiti del catartico. Poi arriva la loro hit Cold Night; certe serate ti bruciano dentro anche se fuori fa terribilmente freddo.

Un gran concerto; di quelli che andrebbero raccontati. A Roma, nonostante tutto, ultimamente sta succedendo spesso.

senza-titolo

 

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

On Key

Related Posts

Violino Banfi – Violino Banfi

Ho conosciuto Violino Banfi su Facebook, per caso. Sempre per caso ho beccato proprio il momento esatto in cui stava per fare uscire il suo debutto su CD, questo. Per puro caso l’ho contattato per chiedergli una copia del CD e se voleva una recensione; il caso ha voluto che accettasse.

Helvete’s Kitchen File

Helvete’s Kitchen: etichetta indipendente che si è presa la briga di patrocinare e garantire per questi due favolosi dischi, ma anche per spiegare cosa sia davvero suonare, pensare e vivere a bassa risoluzione.