iye-logo-light-1-250x250
Webzine dal 1999
Cerca
Close this search box.

Intervista Tarantola

Intervista con Mauro Locandia fondatore dei Tarantola, reggae in combination Londra e Salento, con il singolo "Original terron" scirtto e prodotto a quattro mani con Sabaman.

Intervista Tarantola

Intervista con Mauro Locandia fondatore dei Tarantola, reggae in combination Londra e Salento, con il singolo “Original terron” scirtto e prodotto a quattro mani con Sabaman.

Mauro Lacandia è un salentino doc naturalizzato londinese e il brano si pregia del featuring di Sabaman, dj, Mc e produttore, anche lui di origini salentine, anche lui vive a Londra.

Ecco la nostra chiaccherata con lui, grazie a Rosina Bonino di Sollevante Pressoffice.

Ciao, come nasce il singolo con Sabaman ?

Il singolo “Original Terron”, nasce dopo aver incontrato Stefano Russo (aka Sabaman), un ragazzo di Calimera, paese in provincia di Lecce, ad un evento Reggae Dancehall qui a Londra dove lui faceva il DJ e il rapper. Inizia a cantare ed io noto subito, dalle prime sillabe, che si esprimeva in dialetto salentino. E’ stato un momento speciale per me perchè ho subito capito che avremmo potuto costruire qualcosa di bello insieme. Infatti, dopo la sua performance ci siamo seduti a parlare e ci siamo resi conto che la nostra visione musicale e la nostra storia erano molto simili.

Il giorno dopo eravamo in studio a scrivere il testo e la melodia di “Original Terron”, quest’ultima è cambiata ed editata moltissime volte.

Ci raccontate la storia dei Tarantola ?

Tarantola, è un gruppo nato a Londra nel 2018 che ha subito moltissime trasformazioni sia in termini di stile musicale che di formazione. Siamo sempre stati una band multiculturale che ha cercato di unire le sonorità di tutti i componenti per creare un suono unico e autentico. Questo per noi è sempre stato un valore aggiunto. Abbiamo notato fin da subito che il nostro suono e la nostra energia erano molto apprezzati dal pubblico. L’emozione è grande soprattutto quando vedi persone di  origini diverse cantare e ballare sui tuoi brani, ti fa sentire un po’ casa e questo non ha prezzo.

Il Covid è stato disastroso per il mondo della musica ma abbiamo cercato di ricostruire tutto e ora siamo pronti per tantissime nuove avventure insieme alla mia bellissima band e a tante nuove canzoni.

Negli anni abbiamo esplorato sonorità diverse: Folk, Ska, Gypsy, Balkan, Taranta,  Reggae Dancehall etc.., e  “Original Terron” è la perfetta sintesi di questo percorso.

Vivendo a Londra quanto è cambiata la vostra percezione del reggae ?

Sono cresciuto in Salento e ho sempre ascoltato reggae, grazie a gruppi come Sud Sound System, Treble e tanti altri mentre a  Londra, soprattutto in North London, siamo circondati da artisti giamaicani, figli o nipoti di giamaicani emigrati negli anni ‘60 e ’70. Questo ha permesso alla musica reggae di entrare nelle charts e sui grandi palchi.

Qui il reggae è molto ascoltato ed apprezzato e si evolve velocemente. E’ il classico genere che puoi ascoltare  ogni giorno nelle strade, nei mercatini, nei negozi, e nei vari eventi live.

Questo singolo cosa rappresenta ?

Questo singolo rappresenta un ritorno alle radici, un bisogno che per molto tempo ho represso. E’ l’inizio di un processo di riconnessione con le origini e un tributo alla nostra cultura, alla nostra tradizione. Quando si è ragazzini si vuole esplorare e si tende a non apprezzare le cose vicine. Ora che sono  cresciuto sento di più il bisogno sentirmi vicino a casa. E’ un sentimento che sento crescere costantemente.

“Original Terron” è  anche un brano che parla di discriminazione e di avversità che la gente del Sud in particolare ha dovuto affrontare lasciando la casa e la famiglia per questioni di lavoro.

Una canzone di orgoglio, consapevolezza e crescita personale.

Ascoltando il singolo le aspettative per il disco sono davvero alte, ci potete dire qualcosa ?

Nel nuovo album esploreremo le diverse forme di Reggae, dal roots, alla dancehall, dal dub al reggae più moderno e commerciale.

Il titolo dell’album One Blood si riferisce al colore del sangue che è uguale per ogni essere umano. Il termine qui viene usato per dire alle persone di concentrarsi sulle cose che ci rendono simili e non sulle differenze questo dovrebbe portare ad una maggiore accettazione del prossimo e quindi si spera che le guerre diminuiscano.

Cosa ascoltate del reggae attuale ?

Ascoltiamo e siamo influenzati da tantissimi artisti, ma in ordine di importanza:

Bob Marley, Damien Marley, Koffe, Skip Marley, Sud Sound System, Mellow Mood.

 

 

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

On Key

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE

NEGAZIONE/DECLINO – MUCCHIO SELVAGGIO

C’era una volta, in Italia, una scena musicale che – fatto abbastanza raro – non era (troppo) derivativa da influenze esterofile e, per potenza e (bassa) qualità della proposta, non aveva nulla da invidiare alle scene omonime (ma ben più grandi, “quotate” e visibili) inglesi/europee