iye-logo-light-1-250x250
Webzine dal 1999
Cerca
Close this search box.

Impact, è Morto Il Batterista Alberto Gigo Gigante

IMPACT, è morto il batterista Alberto "Gigo" Gigante: Ci ha

Impact, è Morto Il Batterista Alberto Gigo Gigante

Ci ha lasciati anche Alberto “Gigo” Gigante, batterista, co-fondatore e (per alcuni anni) cantante dei ferraresi IMPACT, tra le più rappresentative formazioni dell’hardcore punk italiano degli anni Ottanta. Aveva 56 anni e, presumibilmente, la causa della sua morte è da imputare alle conseguenze del covid-19.

Gigo iniziò a suonare con gli Impact nel 1980, registrando l’album di debutto “Solo Odio” nel 1985, considerato tra i capisaldi del genere hardcore punk nostrano, e uno split Ep della band (insieme agli Eu’s Arse) fu anche oggetto di attenzione dal parte della punkzine statunitense Maximumrocknroll. L’avventura di Alberto col gruppo durò fino alla fine del decennio, quando passò dalla batteria al ruolo di frontman, prima di chiamarsi fuori nel 1991, e il gruppo si sciolse nel 1995. A metà degli anni Duemila si è riunito agli Impact per riprendere l’attività live, senza incidere nuovo materiale (l’unica pubblicazione prodotta dalla reunion è stata, nel 2011, il libro biografico “Realtà Mutabili“, scaricabile e consultabile gratuitamente a questo indirizzo). Successivamente, a metà anni Novanta, Gigante ha suonato con i milanesi Rappresaglia, altro importante ensemble hardcore. Nel corso della sua vita, è stato anche videomaker e fotografo impegnato sui temi sociali, autore di reportage e documentari in varie zone del mondo, alcuni trasmessi su canali televisivi inglesi e tedeschi.

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

On Key

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE

Urza/Calliophis – Dawn of a Lifeless Age

Calliophis e Urza uniscono le loro forze proponendo lo split album Dawn of a Lifeless Age, molto interessante oltre che di durata corposa, con ciascun gruppo a proporre due brani inediti di durata superiore ai 10 minuti e, soprattutto, di ottimo livello qualitativo.

NEGAZIONE/DECLINO – MUCCHIO SELVAGGIO

C’era una volta, in Italia, una scena musicale che – fatto abbastanza raro – non era (troppo) derivativa da influenze esterofile e, per potenza e (bassa) qualità della proposta, non aveva nulla da invidiare alle scene omonime (ma ben più grandi, “quotate” e visibili) inglesi/europee