iye-logo-light-1-250x250
Webzine dal 1999
Cerca
Close this search box.

I Wipers Festeggiano I Quaranta Anni Di Is This Real? Con Una Ristampa

I Wipers festeggiano i quaranta anni di "Is This Real?" con una ristampa: <!--

I Wipers Festeggiano I Quaranta Anni Di Is This Real? Con Una Ristampa

I Wipers, leggendaria punk band di Portland, celebreranno il quarantennale dell’uscita dell’album di debutto, “Is This Real?” (pubblicato nel gennaio 1980) ristampando il disco, tramite Jackpot Records, in occasione della prima giornata di celebrazioni del Record Store Day, prevista per il 29 agosto.

La reissue, limitata a 2000 copie, sarà in vinile trasparente, stampato in tecnologia RTI con rivestimento a specchio e, oltre all’album originario, conterrrà un poster autografato da Greg Sage e un bonus EP con quattro tracce demo estratte dalle sessioni di registrazione del disco.

Di seguito, l’artwork e la tracklist espansa.

Wipers - I Wipers Festeggiano I Quaranta Anni Di Is This Real? Con Una Ristampa

“IS THIS REAL?” LP

1. Return Of The Rat
2. Mystery
3. Up Front
4. Let’s Go, Let’s Go Away
5. Is This Real?
6. Tragedy
7. Alien Boy
8. D-7
9. Potential Suicide
10. Don’t Know What I Am
11. Window Shop For Love
12. Wait A Minute

“4 TRACK DEMOS”

1. Let’s Go Away
2. Mystery
3. Is This Real
4. Tragedy

 

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

On Key

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE

Amarok – Resilience

La cifra compositiva degli Amarok è piuttosto personale in quanto, rispetto al più canonico sludge doom, la band californiana non teme di rallentare i ritmi fino a sfiorare un’asfissia scongiurata dal mood atmosferico e melodico che pervade buona parte di un lavoro riuscito come Resilience.

THE BEVIS FROND – FOCUS ON NATURE

Nick Saloman è uno di quei musicisti che, a dispetto delle mode e dell’attualità del contesto storico-musicale (e nel fare ciò, per fortuna, è ancora in buona compagnia: Billy Childish, Graham Day, Robyn Hitchcock, Anton Newcombe, Mike Stax, Robert Pollard…) è sempre andato dritto per

Holy shoes di Luigi Di Capua

Holy shoes di Luigi Di Capua

Holy shoes: pone una domanda interessante che ben si colloca in questa nostra Società dei consumi: cosa cerchiamo di ottenere attraverso gli oggetti?