Gli Altri – Fondamenta Strutture Argine

Per chi negli anni novanta ha sudato, pogato sotto il palco e gridato in cameretta ascoltando Frammenti, By Any Means, Sottopressione e tanti altri gruppi italiani di hardcore, avete tra le mani il lavoro definitivo, un disco che avreste voluto sentire in quell'epoca.

Gli Altri – Fondamenta Strutture Argine

Gli Altri sono un giovane gruppo di Savona, molto talentuoso e picchiano come fabbri. La loro musica è un ponte fra punk ed hardcore, con un gusto fortemente anni novanta. Eppure questi ragazzi ci sono nati nei novanta o giĂą di lì, non dovrebbero aver sentito certi dischi. Ed invece Gli Altri chiamano a cantare nel loro disco Roberto Ceruti, storico cantante degli Affranti, che a Savona hanno portato avanti per anni l’hardcore, totemici. Questo è l’hardcore, una musica che sfoga la rabbia, che rompe muri, e non ha etĂ , nĂ© confini. I testi de Gli Altri sono surreali, grida silenziose su astronavi d’asfalto e merda, poichĂ© l’hardcore racconta la realtĂ  in maniera sfumata, ma può anche essere un macigno. Ci sono gruppi come gli Indigesti, come gli Affanti appunto, che descrivono il nostro mondo in maniera iper reale, accumulando sensazioni ed emozioni in una maniera catartica. Fondamenta Strutture Argine è un disco che crea immagini e fotografie di vita notevoli, ribellioni biologiche, impotenza e disagio quotidiano, perchĂ© chi sente male deve gridare. E questo cd gronda di vita e di grida, di voglia di uscire dalla gabbia. A Savona ci sono le gabbie,si chiamano strade, e io devo rendere omaggio a questa cittĂ , almeno per quanto riguarda la musica, perchĂ© gruppi come Gli Altri, come i Dsa Commando, come gli Uguaglianza (non proprio di Savona), Affranti e Risonanze hanno creato non una scena ma un’urgenza di comunicare, di dire la propria. Questo è un disco fantastico, commovente per come riesce a forgiare un passaggio tra epoche diverse, ma stessa rabbia. Lo senti dall’inizio alla fine, e ci vedi tante facce, tante situazioni, tante lotte. PerchĂ© se dei ragazzi fanno dischi come questo, lo mettono in free download, e soprattutto portano avanti una logica DIY e libertĂ  di pensiero, allora l’hardcore non morirĂ  mai. Al di lĂ  delle pose e della violenza di certe scene. Gli Altri sono una scelta, che fa chi non vuole rimanere passivo, chi vuol piangere ma anche ridere di fronte ad una pozzanghera nell’ennesima giornata di merda e asfalto. PerchĂ© a noi il culo ci rode ancora.

Tracklist :

1 Oltre il rumore
2 Il mio solo spazio possibile
3 All’orizzonte
4 06:33
5 La difficoltĂ  del volo
6 Istanbul
7 Cera
8 La falena

Line-up:
Gabriele Lugaro – Chitarra e Voce
Andrea Nocco – Chitarra e Cori
Andrea Avalli – Basso
Lorenzo Colonna – Batteria
Manuel Rosso – Violino Elettrico

GLI ALTRI – pagina Facebook

Free Download :

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

On Key

Related Posts

THEE HEADCOATS – IRREGULARIS (THE GREAT HIATUS)

Neanche il tempo di recensire l’album-raccolta “Failure not success” (pubblicato col moniker Wild Billy Childish & CTMF) che arriva subito un altro Lp, nel 2023, firmato dallo stacanovista inglese Billy Childish, poliedrico menestrello di culto, che per questa release ha riesumato gli Headcoats, che tornano

I miserabili di Ladj Ly

I miserabili di Ladj Ly

Dedicato a chi è d’accordo con la frase di Hugo che chiude la pellicola: “Amici miei, tenete a mente questo: non ci sono né cattive erbe né uomini cattivi. Ci sono solo cattivi coltivatori”.

Death Mantra For Lazarus – DMFL

Sussurri musicali dettati da una grande tecnica musicale accompagnata da una capacitĂ  compositiva superiore, per un lavoro tutto da ascoltare, scoprire ed amare, per chi ama immergersi nella dolce tempesta dei Death Mantra For Lazarus.

AA VV – BOMB YOUR BRAIN Vol. 2

Secondo capitolo per la compilation “Bomb Your Brain“, ancora una volta concepita e pubblicata, sempre in cinquecento copie, dalla piccola e coraggiosa etichetta indipendente francese PigmĂ© Records. Stessa formula del primo volume, una succosa e urticante raccolta (a questo giro con la didascalia che recita: