iye-logo-light-1-250x250
Webzine dal 1999
Cerca
Close this search box.

Gian Luca Favetto – Le Stanze Di Mogador

Gian Luca Favetto - Le Stanze Di Mogador: Editore Verde Nero. Damir Babic, bosniaco è un fotografo di professione. E' in Sicilia su commissione per fotografare v...

Gian Luca Favetto – Le Stanze Di Mogador

Editore Verde Nero.

Damir Babic, bosniaco è un fotografo di professione. E’ in Sicilia su commissione per fotografare volti scolpiti su una roccia. L’hotel Mogador è gestito da un misterioso padrone di lingua spagnola, forse sudamericano. Qui Damir incontra i personaggi che gli faranno da guida in un viaggio tra mafia siciliana, sfruttamento dell’immigrazione clandestina, reati ambientali. Cindro Ferretti detto il comandante marinaio in pensione, Salvatore Puma apolide e trafficante di mestiere, Noura ragazza Somala in rapporto amoroso con Puma.

Scoprirà un pezzo di Sicilia nascosta non così diverso dall’India, dalla Cina.
Cosa spinga Damir in questo viaggio non è poi così chiaro.

Forse il suo rapporto con la fotografia, con il desiderio di conoscenza. In realtà la fotografia, il viaggio, il ricordo della guerra nell’Europa dovrebbero essere i cardini su cui si innesta il racconto, su cui inserire i ragionamenti. Come Sciascia, parlare di misteri per parlare della mafia, della Sicilia, della giustizia, degli uomini. In effetti davanti alla casa del mafioso Damir attende nel sole come nelle attese di Sciascia.

Ci sono misteri in questo libro, paesaggi di vento e mare, corpi femminili nudi, viaggi, odori di spezie e suono di bombe. Il tutto è in particolare. Le foto colgono un punto e lasciano perdere il contesto. Non formano un ritratto e se lo formassero l’autore non riunirebbe i pezzi. Non ci prova o non ci riesce.

A volte è un reportage dei giornali, quelli con tante pagine culturali. E allora “ Damir non ha ancora vinto del tutto la nebbia che lo ha tenuto in scacco per ore, febbricitante, incredulo. Il sesso è l’unica certezza a cui attaccarsi…

Dov’era prima di qui? Prima? C’è stato un prima? C’è un prima nelle cose, in queste cose? La nebbia ti avvolge in pieno sole, estate in Sicilia. Si sicuramente c’è un prima, e anche un dopo presumo.

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

On Key

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE

Amarok – Resilience

La cifra compositiva degli Amarok è piuttosto personale in quanto, rispetto al più canonico sludge doom, la band californiana non teme di rallentare i ritmi fino a sfiorare un’asfissia scongiurata dal mood atmosferico e melodico che pervade buona parte di un lavoro riuscito come Resilience.

THE BEVIS FROND – FOCUS ON NATURE

Nick Saloman è uno di quei musicisti che, a dispetto delle mode e dell’attualità del contesto storico-musicale (e nel fare ciò, per fortuna, è ancora in buona compagnia: Billy Childish, Graham Day, Robyn Hitchcock, Anton Newcombe, Mike Stax, Robert Pollard…) è sempre andato dritto per

Holy shoes di Luigi Di Capua

Holy shoes di Luigi Di Capua

Holy shoes: pone una domanda interessante che ben si colloca in questa nostra Società dei consumi: cosa cerchiamo di ottenere attraverso gli oggetti?