Flesh Rag – Flesh Rag

Flesh Rag – Flesh Rag

E’ opinione comune che la fruizione della musica, in questi tempi di tecnologica comodità, sia quasi completamente appannaggio dei computer, degli mp3 e delle chiavette contenenti centinaia di pezzi, opinione ahimè non troppo lontana dal vero.

Ma è vero anche che resistono, come fecero quei soldati giapponesi che si rifiutarono di abbandonare i loro avamposti anche ad ostilità concluse, sacche consistenti di pazzi romantici che alla freddezza di un pc preferiscono il suono rovinoso ma tremendamente vero del vinile, fra questi ci sono certamente il ed i tipi della Surfin’ki.
Questa etichetta infatti da alle stampe solo lp,10″ e 7″ e tutto quello che fa è contraddistinto da una qualità sempre ben al di sopra della media.
Non sfugge alla regola neppure questo omonimo album dei Flesh Rag, autori di un garage-punk molto incisivo privo di fronzoli ma ricco di energia e di un feeling inattaccabile.
I pezzi sono soltanto otto e la band li brucia in tempi piuttosto brevi non facendo, come si dice in gergo, prigionieri; ci sono le sventagliate punk-blues alla Oblivians (Blood on my mind e Burning sand), il suono roots suonato con attitudine settasettina (You fucked me up you put my down), la saturazione al limite del noise (Tombstone heart), il garage-punk spaccaossa tipico dei primi Makers o dei New Bomb Turks (Milk man), il sound minaccioso e oscuro (Running around e Too fucked up) per concludere con il rock’n’roll ai mille all’ora (Is the real).
Come avrete capito si sta parlando di un suono che farebbe rizzare i capelli ai puristi e cadere le barbe agli hipster ma che riempi i cuori impavidi di chi ama il vero rock’n’roll, quello che se ne frega bellamente della tecnica ma bada al sodo e fa venir voglia di urlare e di suonare finte chitarre con racchette da tennis o manici di scopa.
Questo gioiellino è acquistabile per euro 10.99, per noi liguri notoriamente parsimoniosi anche il centesimo è importante, e,se lo farete vostro, saranno i soldi meglio spesi degli ultimi tempi.
Orsù privatevi di due canne o di qualche birretta e fiondatevi senza indugio sui Flesh Rag!

Tracklist:
1- Blood on my mind – listen HERE
2 – You fucked me up, you put me down
3 – Tombstone heart – listen HERE
4 – Burning sands
5 – Milk man – listen HERE
6 – Running around
7 – Is this real
8 -Too fucked up

Line-up:
Matt Ellis – guitars and vocals
Nathan Burger – drums
Eric Felgner -bass

FLESH RAG – Facebook

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
1 Comment

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

On Key

Related Posts

Memoriam – Rise to power

Atteso ritorno dei Memoriam, il gruppo death metal fondato dal cantante Karl Willetts ex dei Bolt Thrower  da Frank Healy bassista dei Benediction ed ex chitarrista dei Napalm Death, insomma la crema del death metal, coadiuvati molto bene da Scott Fairfax alle chitarre e Spike T. Smith alla batteria.

Cosa resta del duemilaventidue

  Un altro anno se n’è andato, portandosi dietro le scorie di dodici mesi costantemente vissuti al di sotto delle nostre possibilità, castrati da un contesto sociale che non riusciamo a modificare in alcun modo. I sogni anche per questa volta sono rimasti tali, immutati

Tropical Fuck Storm - Submersive Behaviour_cover

Tropical Fuck Storm – Submersive Behaviour

È qui e richiede attenzione, perché i Tropical Fuck Storm hanno dimostrato più volte di saper far bene, di saper maneggiare il rock (alternativo, indie, noise, quello che volete) meglio di tanti altri – ma direi di quasi tutti.

Luca Ottonelli

Luca Ottonelli. E’ nato a Genova nel 1969 e ho completato i primi studi artistici avendo come maestro di Figura G. Fasce.