Fenster – The Pink Caves

Fenster – The Pink Caves

A due anni dal più che convincente Bones, i Fenster (Jonathan Jarzynam JJ Weihl, Remy Letournelle, Lucas Chantre), formazione che mette insieme radici francesi, tedesche e americane, ritornano con un membro in più e dodici nuovi brani. Questo secondo disco, The Pink Caves, in uscita sempre per Morr Music, si compone di delicate sonorità pop (sopra cui si adagiano testi spesso velati di nero).

L’iniziale Better Days, tra pulsioni di batteria, rumori di varia natura e voce eterea ad ammansire il tutto, apre al leggero muoversi (tra synth, chitarra e timida elettronica) della sognante Sunday Owls e al coinvolgente avvolgere della lievemente malinconica In The Walls. Il pigro procedere di Cat Emperor, tra batteria svogliata e voce lievemente stropicciata, introduce l’accogliente galleggiare notturno di True Love, mentre The Light, sostituendo la voce femminile con quella maschile, cammina con circospezione fra vibrafono, synth e chitarra, prima di lasciarsi andare ai cori e alle atmosfere lievemente retrò di Mirrors. L’acustica Fireflies (praticamente solo voce e chitarra), scompare nel giro di un minuto e mezzo, introducendo le calde e vivaci On Repeat e Hit & Run (con la seconda sembra di essersi trasferiti su una assolata spiaggia da sogno). 1982, infine, tra chitarre pacate e atmosfere rilassate, lascia che a chiudere sia il morbido accarezzare di Creatures.

Il nuovo disco dei Fenster, muovendosi su un indie pop/dream pop sempre composto e raffinato (la cura per i dettagli e gli arrangiamenti è incredibile), conferma totalmente i giudizi positivi spesi per il precedente lavoro. Le atmosfere evocate da questo The Pink Caves vi avvolgeranno e conquisteranno nel giro di pochi minuti, regalandovi la possibilità di perdervi in morbidi mondi fatti di dolcezza e sensibilità. Si potrebbe lamentare che verso il finale si fa largo un leggero stato di stanchezza, ma è poca cosa se paragonato al livello qualitativo generale dell’album.

Tracklist:
01. Better Days
02. Sunday Owls
03. In The Walls
04. Cat Emperor
05. True Love
06. The light
07. Mirrors
08. Fireflies
09. On Repeat
10. Hit And Run
11. 1982
12. Creatures

Line-up:
Jonathan Jarzyna
JJ Weihl
Remy Letournelle
Lucas Chantre

FENSTER – Facebook

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

On Key

Related Posts

Memoriam – Rise to power

Atteso ritorno dei Memoriam, il gruppo death metal fondato dal cantante Karl Willetts ex dei Bolt Thrower  da Frank Healy bassista dei Benediction ed ex chitarrista dei Napalm Death, insomma la crema del death metal, coadiuvati molto bene da Scott Fairfax alle chitarre e Spike T. Smith alla batteria.

Cosa resta del duemilaventidue

  Un altro anno se n’è andato, portandosi dietro le scorie di dodici mesi costantemente vissuti al di sotto delle nostre possibilità, castrati da un contesto sociale che non riusciamo a modificare in alcun modo. I sogni anche per questa volta sono rimasti tali, immutati

Tropical Fuck Storm - Submersive Behaviour_cover

Tropical Fuck Storm – Submersive Behaviour

È qui e richiede attenzione, perché i Tropical Fuck Storm hanno dimostrato più volte di saper far bene, di saper maneggiare il rock (alternativo, indie, noise, quello che volete) meglio di tanti altri – ma direi di quasi tutti.

Luca Ottonelli

Luca Ottonelli. E’ nato a Genova nel 1969 e ho completato i primi studi artistici avendo come maestro di Figura G. Fasce.