Fat Freddy’s Drop – Bays

FAT FREDDY’S DROP – BAYS

Fat Freddy’s Drop – Bays

I Fat Freddy’s Drop, fin dal primo disco “ Based On A True Story “ del 2005 stanno cambiando la storia ed il cammino di un certo tipo di reggae, e della musica in levare. I neozelandesi partono dal reggae, ma il loro viaggio li porta lontanissimo da quel genere, attraversando vari generi , innovandoli tutti.

I consumatori abituali di Fat Freddy’s Drop sanno che i loro pezzi hanno una partenza e poi il resto è tutto da vedere, perché la cosa più bella nell’ascoltarli è che non si sa dove arriveranno, e la novità è la cosa più bella in musica.
Essere innovatori non è facile, poiché devi sempre essere un passo avanti ma i Fat Freddy’s Drop sanno benissimo come esserlo, e gli riesce tutto facile. Come sarebbe facile dire che Bays è il loro miglior album, sicuramente è la loro migliore incarnazione attuale.
Il disco è stato registrato presso i Bays Studio di Kilbirnie a Wellington nella loro terra natia, dove prima vi era una stamperia di vinili della HMV. Qualcosa devono avere trattenuto quelle mura per poi dare un contributo a questo disco.
La produzione è come sempre per i Fat Freddy’s Drop una cosa importantissima, ed è sontuosa come al solito, anche perché un qualcosa di leggermente inferiore sarebbe davvero un rovinare tutta la fatica compositiva.
Le canzoni sono perfette, tutte possiedono un’anima particolare ed unica. Il reggae ed il dub rimangono i punti dai quali partire, le chiavi con le quali comporre qualcosa di nuovo.
In questa quarta opera i Fat Freddy’s Drop hanno cambiato il modo di comporre, dato che a differenza delle altre volte in questa occasione il disco è stato composto in studio, mentre invece prima le canzoni prima di arrivare su supporto fonografico erano testate lungamente dal vivo.
Bays è un lavoro dolce e con un’orecchiabilità che va oltre il commerciale, è musica che entra dentro senza alcuna fatica, è come ascoltate il battito cardiaco di una persona che stia bene ed in relax.
I Fat Freddy’s Drop sono un gruppo che ha introdotto e che sta portando avanti un discorso totalmente differente riguardo al ritmo ed alla struttura della canzone, fondando un qualcosa che potrebbe essere definito psichedelia reggae, se proprio dobbiamo dare un genere.
Continua l’avventura di un gruppo fuori dal comune e davvero unico, che sta avendo soprattutto a partire da Blackbird del 2013 un grande successo, poiché questa è musica che entra nell’anima, senza passare dalle orecchie.

Tracklist
01. Wairunga Blues
02. Slings & Arrows
03. 10 Feet Tall
04. Wheels
05 B2 Razor
06. Makkan
07. Fish In The Sea
08. Cortina Motors
09. Novak

Line –Up
Dallas Tamaira aka Joe Dukie: vocals.
Chris Faiumu aka DJ Fitchie: mpc , samplers & effects.
Tehimana Kerr aka Jetlag Johnson: guitar.
Iain Gordon aka Dobie Blaze: keyboards.
Toby Laing aka Tony Chang: trumpet.
Joe Lindsay aka Hopepa: trombone.
Scott Towers aka Chopper Reedz: saxophone.

FAT FREDDY’S DROP – Facebook

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

On Key

Related Posts

Memoriam – Rise to power

Atteso ritorno dei Memoriam, il gruppo death metal fondato dal cantante Karl Willetts ex dei Bolt Thrower  da Frank Healy bassista dei Benediction ed ex chitarrista dei Napalm Death, insomma la crema del death metal, coadiuvati molto bene da Scott Fairfax alle chitarre e Spike T. Smith alla batteria.

Cosa resta del duemilaventidue

  Un altro anno se n’è andato, portandosi dietro le scorie di dodici mesi costantemente vissuti al di sotto delle nostre possibilità, castrati da un contesto sociale che non riusciamo a modificare in alcun modo. I sogni anche per questa volta sono rimasti tali, immutati

Tropical Fuck Storm - Submersive Behaviour_cover

Tropical Fuck Storm – Submersive Behaviour

È qui e richiede attenzione, perché i Tropical Fuck Storm hanno dimostrato più volte di saper far bene, di saper maneggiare il rock (alternativo, indie, noise, quello che volete) meglio di tanti altri – ma direi di quasi tutti.

Luca Ottonelli

Luca Ottonelli. E’ nato a Genova nel 1969 e ho completato i primi studi artistici avendo come maestro di Figura G. Fasce.