Destroy All Monsters – Hot Box 1974-1994

Destroy All Monsters - Hot Box 1974-1994 1 - fanzine

Destroy All Monsters – Hot Box 1974-1994

Ci sono gruppi nella storia del rock’n’roll che hanno lasciato un segno indelebile e che, ad esso, hanno unito notevoli fortune commerciali: Rolling Stones, Beatles, Clash.

Ce ne sono altri che, nonostante siano stati anch’essi fondamentali, sono rimasti a livello di “culto” senza riuscire a monetizzare quanto la loro importanza gli avrebbe dato diritto di fare: Mc5, Stooges, Velvet Underground e, in parte, Ramones; altri ancora che, nonostante siano anch’essi indispensabili ad ogni rocker che si rispetti, sono di una spanna al di sotto ai gruppi sopracitati: Yardbirds, Kinks, Radio Birdman etc.
Tra questi ultimi vanno annoverati anche i Destroy All Monsters, oggetto di queste mie righe direttamente ispirate dall’uscita di questo splendido cofanetto (doppio cd e triplo lp) uscito da poco per la mai abbastanza lodata Munster Records.
Originari di Detroit, un posto qualunque per suonare raw rock’n’roll, e guidati dalla splendida voce dell’ultra-sexy cantante Niagara che, oltre ad essere la “frontwoman” della band, ha donato le proprie corde vocali agli altrettanto fantastici Dark Carnival, i nostri hanno suonato il loro motivatissimo hard-punk per una ventina d’anni dando un grandissimo contributo ad un suono che ancora, al giorno d’oggi, non solo è attualissimo ma continua a fare proseliti.
I trentuno brani di questa ristampa stanno a testimoniare quanta energia ma allo stesso tempo quanta ecletticità il gruppo sapeva fornire nel chiuso di uno studio d’incisione (e non solo) e fanno capire quanta dev’essere stata la buona sorte riservata a chi avuto la ventura di vederli dal vivo (privilegio che,ahimè,non è capitato).
Si ricordi anche che per brevi ma intensi periodi nella band hanno militato due calibri da 90 del Detroit-sound quali Ron Asheton (Stooges) e Michael Davis (Mc5), ulteriore sigillo di qualità ad un combo che aveva ed ha una credibilità a prova di bomba.
A chi si avvicinasse a questa raccolta da neofita segnalo di non farsi scoraggiare dai primi otto brani della raccolta in quanto testimoniano i primi lavori della band e sono incisi con un suono ultra lo-fi che potrebbe demotivare padiglioni auricolari non avvezzi a questo tipo di urticanze.
Chi non conoscesse i Destroy All Monsters può essere perdonato solo se ha meno di vent’anni; l’acquisto è obbligatorio per chi, invece, fosse già a conoscenza di tali pepite sonore, rivelandosi un’ottimo compendio all’opera di una band fondamentale.
E poi, con che cuore potreste non supportare l’attività di un’etichetta come la Munster Records che, fra le altre cose, è pure amicissima di InYourEyes?

Tracklist
Disc 1
01. Intro (fragment)
02. That’s My Ideal
03. Children of the Night
04. From the Edgar Cayce Foundation
05. Confession (fragment) – I Love You but You’re Dead
06. I Want to Live
07. Magic Bag (fragment) – You Can’t Kill Kill
08. The Queen
09. Take Me with You
10. Unplugged in San Diego (fragment)
11. Iron Man (rehearsal fragment) – Paranoid of Blondes
12. Bored
13. You’re Gonna Die
14. November 22, 1963
15. Meet the Creeper
16. What Do I Get?
17. Nobody Knows
18. Goin’ to Lou’s

Disc 2
01. These Boots Are Made for Walkin’
02. Jesus is a Shotgun
03. Anyone Can (Fuck Her)
04. Enough Is Enough
05. I Just Wanna Be Sleepy
06. Bored
07. Party Girl
08. Fast City
09. Go Away
10. Sweet Dreams
11. Little Boyfriend
12. The Right Stuff
13. Ground Zero

DESTROY ALL MONSTERS – Facebook

Tags:
,
1 Comment
  • Christian Levada
    Posted at 11:41h, 27 Febbraio Rispondi

    I tre vinili sono una chicca da paura consigliato per i fans del detroit sound stooges ,mc5 bravo il santo

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.