iye-logo-light-1-250x250
Webzine dal 1999
Cerca
Close this search box.

Recensione : Demonical – Black Flesh Redemption

Tornano i Demonical e lo fanno con un poker di brani eccellenti

Demonical – Black Flesh Redemption

Tornano i Demonical e lo fanno con un poker di brani eccellenti, confermando l’ottima vena già dimostrata nel precedente album di due anni fa, “Darkness Unbound”.

Nati per mano di due musicisti degli storici Centinex , Sverker “Widda” Widgren (voce) e Martin Schulman (basso) ed aiutati in questa avventura dal chitarrista Johan Haglund, la band invero gira già da una decina d’anni, avendo licenziato già quattro full-length e tre split con nomi altisonanti della scena estrema come Absu, Paganizer e Nunslaughter.
Questo è death metal old school, non si scappa, Black Flesh Redemption ci insegue inesorabile e non si può sfuggire allo tsunami di note estreme che ci investono catapultandoci nelle pieghe più classiche del genere ma con suoni freschi, prodotti dal singer in modo egregio, e con ritmiche assassine, che squartano l’aria lasciando poi spazio a rallentamenti che si trasformano in colate di lava incendiaria.
L’Ep offre tre brani di altissima qualità, Cursed Liberation, Drown in Flames e To Become the Weapon, ed un capolavoro, Throne of Perdition, monumento al death metal scandinavo, oscuro, inesorabile nel suo lento incedere, freddo e malvagio, devastante nella sua fase centrale e funereo nel suo ritorno a ritmi monolitici.
La band quest’estate sarà presente al Summer Breeze, appuntamento storico tra i festival europei, ed è in partenza per un tour con i Gehenna: questo Ep costituisce un ascolto obbligato per i fan del death metal suonato dai gruppi storici nati nelle fredde lande scandinave, Dismenber, primi Entombed e Grave su tutti.

Tracklist:
1.Cursed Liberation
2.Drown in Flames
3.Throne of Perdition
4.To Become the Weapon

Line-up:
Martin Schulman Bass
Sverker “Widda” Widgren Vocals
Johan Haglund Guitars

DEMONICAL – Facebook

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE

Kensington – Control

La band capitanata da Casper Starreveld ha creato un album che ha il destino già scritto prima di arrivare all’orecchio dei fans, una raccolta di canzoni pregna di atmosfere melanconicamente melodiche, con più di un riferimento al rock alternativo degli ultimi vent’anni, molto britannico concettualmente, ma assolutamente già sentito sui canali e radio specializzate in musica e cultura indie.

The Pier – The Pier

Per gli amanti del genere un album da ascoltare a più riprese, ed una band da seguire visto l’enorme potenziale artistico.

Somnium Nox – Apocrypha

Con coraggio e personalità i due musicisti australiani incorporano in un’unica opera quella che è stata l’evoluzione del genere dagli ormai lontani primi anni novanta