Chi trova un amico, trova un tesoro. Soprattutto se quell’amico è Philip K. Dick

Chi trova un amico, trova un tesoro. Soprattutto se quell’amico è Philip K. Dick 1 Iyezine.com

Pubblicato il

Scritto da

“Crazy Friends” di Jonathan Lethem: 153 pp. rilegato, prezzo di copertina €14,00 [Minimum Fax, 2011].

Crazy Friends, sulla cui copertina capeggia un disco volante stilizzato, fa parte degli oggetti letterari non bene identificati. Quest’agile libretto raccoglie molti degli scritti di Jonathan Lethem (Brooklyn, 1964) su Philip K. Dick (1928-1982). Molti ma non tutti, perché si può dire che l’opera omnia di Lethem è dickiana.
Quella che abbiamo in mano è una miscellanea di introduzioni, articoli e racconti scritti da Lethem a proposito o sotto l’influsso del suo romanziere preferito, nonché pazzo amico immaginario, da lui scoperto quando era ancora un misconosciuto scrittore fantascientifico di serie B – prima quindi che diventasse un autore di culto, adorato in tutto il mondo (in Europa più che in America e soprattutto in Francia e Italia, come successo anche a un’altra leggenda letteraria come Bukowski; nemo propheta in patria).

Crazy Friends è soprattutto un libro che si fa amare, perché trasuda da ogni pagina – da ogni singola frase – amore, passione e intelligenza. Lethem non cade nella trappola dei fan troppo settari e adoranti di P.K.Dick, ma riesce a conservare verso il suo idolo un distacco ironico e autoironico, che gli consente di raccontarcelo e di ricrearne il vissuto in tutte le sue più controverse sfaccettature.
Lethem rievoca la sua scoperta casuale, fatta durante la tormentata adolescenza, dei tascabili pulp di P.K.Dick: è un amore a prima vista, che gli sconvolgerà per sempre la vita, lo porterà a trasferirsi nella Berkeley di Dick anche se lui ormai è morto e a diventare uno dei membri più attivi della “Philip K.Dick Society”, nonché un inarrestabile promotore della sua opera in ogni dove, fino a esserne riconosciuto come il più grande e autorevole esperto.
Corredano il libro alcuni racconti fantascientifici di Lethem, in cui è più chiara l’impronta dickiana, e che, nonostante la divertita autocritica dell’autore, sono godibilissimi.

Chi trova un amico, trova un tesoro. Soprattutto se quell’amico è Philip K. Dick

No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.