Casalingam – Orgia, 2022

Casalingam – Orgia, 2022

C’è un filo rosso, o meglio rosso-nero, che unisce il debutto di Casalingam, Tha Urlo, a questo suo seguito, solo che, volendo essere puristi e quindi puramente fessi, si corre il rischio di non vederlo.

Cosa lega un disco come Tha Urlo, una via Anarcho insurrezionalista al Reggaeton e alla Trap, a questo Orgia, una via Anarcho Insurrezionalista al Garage Punk, al Beat e al Punk Rock? La risposta è, com’è ovvio, nella domanda stessa: l’Anarcho Insurrezionalismo.

Anarcho Insurrezionalista nei testi, sempre votati ad una dialettica da assalto al cielo di carta e dove la sperimentazione linguistica (notevole il lavoro su Porto d’Armi e su Schianto) fa le veci di un ordigno esplosivo posto sotto Palazzo Chigi; un’insurrezione che è anzi tutto vita quotidiana, vita vissuta col volgo e per il volgo, ne trae forza e la restituisce in forma di musica perfettamente arrangiata e in frasi perfettamente acuminate, taglienti e pericolose. Anarcho Insurrezionalismo cui però va ad aggiungersi anche una vena romantica, dove per romanticismo si intende quella corrente letteraria e filosofica che nulla ha a che vedere col sentimentalismo, ma che si fonda sulla caducità e fallacia d’ogni umano proponimento e si getta comunque nell’impresa, sia essa amore, sopravvivenza o dar fuoco a una caserma, senza paure o tentennii (complemento necessario quindi per ogni serio rivoluzionario).

Ecco, di fatto, se si prende per buona la mia definizione di romanticismo e non si continua erroneamente ad associarlo al sentimentalismo, come se fossero sinonimi (e non, in pratica, contrari), questo è un disco romantico;

romantico con picchi di decadentismo (Drogo+, Elicottero) e , appunto, Anarcho Insurrezionalismo dove per insurrezione si intende un moto volto alla sfida all’esistente e a tutto ciò che lo regola rendendolo materia rigida ed immodificabile (Law&Order, Copkiller, Porto d’Armi). Si rimette mano quindi, in nome di un Garage Beat piuttosto versatile, agli strumenti a corda, a una batteria e a un synth un po’ ’60’s nelle armonie ma molto moderno nei suoni, proprio perché Casalingam nasce dal contrasto e dalla conseguente frizione di due mondi, all’apparenza, antitetici:

un’elettronica casalinga mirata ad un Reggaeton e una Trap da rivolta stradaiola e un Garage riottoso e, appunto, romantico. Il cambio, apparentemente, repentino induce a pensare all’impossibilità di paragonare le due uscite e spinge a scrivere: “sono entrambi due dischi favolosi, prodotto di una scrittura più che felice” cosa che, peraltro, è anche vera.

Se Tha Urlo non presentava nemmeno un punto di cedimento, un riempitivo o un’armonia poco convincente, così anche Orgia appare come un disco ben congeniato e dove ogni canzone si regge su una creatività incontenibile.

Il Garage Beat sensuale della canzone che da il titolo e apre con delicatezza l’intera raccolta è sorprendente nel suo riuscire ad attualizzare suoni, sapori e colori di una pratica che si credeva esaurita negli anni ’60:

un inno alla versatilità, oltre che stilistica, anche sessuale, una spina nel fianco di una classe politica che vuole ogni indirizzo sessuale incanalato in un percorso fatto di luoghi comuni e consuetudini: il sesso qui viene presentato come un esercizio liberatorio, sia nell’atto in sé e per sé che come gesto che libera l’individuo dall’asfissiante gioco di ruoli e di modelli stabiliti dall’alto. È proprio la volontà di liberazione dell’individuo, a mio avviso, il tema principale del disco:

Sia esso nei costumi sessuali: il punk rock verboso, al punto di sembrare un esperimento di commistione col cantautorato dei Ciampi e dei Fanigliulo, di Raggi Laser, la ripresa in italiano di Searchin’ (un classico del Garage qui riesumato a nuova vita) degli Omens e la conclusiva Cuoricino che già dal titolo lascia intendere una volontà come parodistica nei confronti del sentimentalismo squallido di canzonette estive insulse e prive di spessore (il raccontare l’amore come se fosse una pubblicità, al fine di vendere gelati, profumi e smartphone).

Sia esso nella contestazione dell’autorità: il Garage Punk di Law&Order e Copkiller e il Punk Hardcore alla Circle Jerks di Porto d’Armi (ripeto: un vero capolavoro di scrittura, niente da dire).
In tutto questo prendiamo nota di un pezzo eterno, una di quelle canzoni che sopravvivono ai decenni e si inseriscono tra i grandi classici e cioè quelle canzoni che, potenzialmente, potrebbero piacere a chiunque: Schianto, nel suo riuscire a restare sospeso tra Garage Beat, poesia Apocalittica e un ritornello indimenticabile, è davvero questo e nient’altro. Perfetto nel suo minuto e mezzo di durata.

Casalingam cambia muta per non cambiare la sua cifra compositiva (ma d’altronde il tutto era partito da una felice coesistenza dei due aspetti, come testimoniano i suoi video su YouTube) e nel fare ciò resta credibile e si propone come una figura di riferimento nell’underground italiano (è stato parte attiva o tutt’ora milita in formazioni come Thee Loyal Wankers, 66cl, Magic Cigarettes, Goofy and the Goofers…) per capacità espressiva, bontà stilistica e tecnica e, non da ultimo, per coerenza ideologica.

Un disco da non perdere qualsiasi sia il vostro genere di riferimento: questi son pezzi che possono davvero piacere a tutti, basta un po’ di sale in zucca e un po’ di senso di non appartenenza alla realtà circostante.

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

On Key

Related Posts

Memoriam – Rise to power

Atteso ritorno dei Memoriam, il gruppo death metal fondato dal cantante Karl Willetts ex dei Bolt Thrower  da Frank Healy bassista dei Benediction ed ex chitarrista dei Napalm Death, insomma la crema del death metal, coadiuvati molto bene da Scott Fairfax alle chitarre e Spike T. Smith alla batteria.

Cosa resta del duemilaventidue

  Un altro anno se n’è andato, portandosi dietro le scorie di dodici mesi costantemente vissuti al di sotto delle nostre possibilità, castrati da un contesto sociale che non riusciamo a modificare in alcun modo. I sogni anche per questa volta sono rimasti tali, immutati

Tropical Fuck Storm - Submersive Behaviour_cover

Tropical Fuck Storm – Submersive Behaviour

È qui e richiede attenzione, perché i Tropical Fuck Storm hanno dimostrato più volte di saper far bene, di saper maneggiare il rock (alternativo, indie, noise, quello che volete) meglio di tanti altri – ma direi di quasi tutti.

Luca Ottonelli

Luca Ottonelli. E’ nato a Genova nel 1969 e ho completato i primi studi artistici avendo come maestro di Figura G. Fasce.