Bob Rock Radio Show Vol. 05

radio show

Bob Rock Radio Show Vol. 05

Puntata numero cinque, solita mezz’ora di stranezze musicali e grezzume assortito, sempre con il grande stile Bob Rock.
Questa volta abbiamo come ospite speciale Massimo Scocca dei Lame, uno che ne sa più di tutti, in mezzo alla selezione back 2 back 2 back 2 back di Beppe, Cancio, Fabius e Fappo.
I barbieri sono chusi ma no problem vi pettiniamo noi.
Tutto a fogone.

 

Bob Rock Radio #5 tracklist
Sigla!
Mike Pedicin “Burnt Toast And Black Coffee”
The Hentchmen “Red Hot Car”
The Saints “Demolition Girl”
Slant 6 “G.F.S.”
The Gories “There But For The Grace Of God”
Cinetrailer
Fase 4 “Necrofilo Shake”
Ospite: Massimo Scocca
Lame “Disappear”
Big Black “The Model”
The (International) Noise Conspiracy “The Subversive Sound”
Dead Moon “Graveyard”
Tony Adolescent & ADZ “Long Tall Sally”
Chrome Cranks “Desperate Friend”
Death “Politicians In My Eyes”

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
1 Comment
  • Bob Accio
    Posted at 11:55h, 10 Maggio Rispondi

    Uffà, che palle sto Bob Rock. Poteva scegliersi un altro nome? Gigi Rock, ad esempio. 🙁

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

On Key

Related Posts

Märvel – Double Decade

Grandissimo ritorno degli svedesi Märvel uno di gruppi di hard rock scandinavi più longevi ed apprezzati, e il perché del loro successo è racchiuso in questa doppia raccolta celebrativa.

Tigre - Contro Tigre

Tigre – Contro Tigre

Ad aggiungersi alla prestigiosa lista dei portabandiera di un qualcosa che è molto di più di un genere musicale ci pensano i Tigre che, con i quattro pezzi di questo mini, segnano il loro primo rumoroso vagito.

Eyeless In Gaza – Photographs as memories

Ristampa della meritoria Spittle Records del primo disco del 1981 degli inglesi Eyeless in Gaza, nome tratto da una novella di Aldous Huxley, uno dei gruppi culto degli anni ottanta e non solo. Questa ristampa rende giustizia ad un disco troppo spesso sottovalutato e relegato negli episodi minori del grande gruppo britannico.