Bananagun – Out Of Reach

Bananagun – Out Of Reach

Bananagun – Out Of Reach 1 - fanzineNei mesi in cui il mondo si fermava, facendo la macabra e quotidiana conta dei morti, per alcuni il più atroce dubbio è stato non poter sapere se andare al mare.

A costoro possiamo dire che anche questa volta l’estate è salva e senza plexiglas. Purtroppo però non ci siamo salvati dai soliti isterismi che ustionano il cervello del popolo vacanziero che, nonostante le mascherine e il presunto distanziamento sociale, non è stato immune dal solito far finta di niente. A farmi riprendere da questa triste considerazione ecco un gavettone gelato in formato vinilico.

Sono un quintetto di Melbourne: i Bananagun.

Sarà che già ero stato incuriosito dal singolo d’esordio “Do Yeah” ma insostenibile perché Sold Out e a prezzi da capogiro nella rete. Ma il risultato di questo quarantacinque giri dell’inglese Full Time Hobby è un continuo girare e rigirare senza sosta nel mio giradischi.

Appena parte “Out of Reach” ci caliamo in quella hot summer of 69 dove Tommy James & the Shondells ci illudevano con la loro Crystal Blue Persuasion.

I Banangun qui prestano fede più alla potenza della magia nera accendendo un grande fuoco su cui ardono tizzoni psichedelici, a tinte afrobeat e con un pizzico di frivolezza pop che solo una canzone d’amore sa tirare fuori. Con “Takotsubo” partono lenti e distorti; come se nei favolosi anni della rotonda sul mare invece di Peppino di Capri e i suoi Rockers si esibisse Sky Saxon e i suoi Seeds dopo essersi scolati una boccetta di valium.

Un pezzo che distrugge ogni certezza anche al bellimbusto che fa apericena in spiaggia con il telo indiano a proteggere l’imbarazzo di quel poco che porta nel costume.

Sarà che le vacanze sono salve; ma chi lavora di musica non ha ancora risposte sul suo futuro.

Full Time Hobby

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

On Key

Related Posts

Memoriam – Rise to power

Atteso ritorno dei Memoriam, il gruppo death metal fondato dal cantante Karl Willetts ex dei Bolt Thrower  da Frank Healy bassista dei Benediction ed ex chitarrista dei Napalm Death, insomma la crema del death metal, coadiuvati molto bene da Scott Fairfax alle chitarre e Spike T. Smith alla batteria.

Cosa resta del duemilaventidue

  Un altro anno se n’è andato, portandosi dietro le scorie di dodici mesi costantemente vissuti al di sotto delle nostre possibilità, castrati da un contesto sociale che non riusciamo a modificare in alcun modo. I sogni anche per questa volta sono rimasti tali, immutati

Tropical Fuck Storm - Submersive Behaviour_cover

Tropical Fuck Storm – Submersive Behaviour

È qui e richiede attenzione, perché i Tropical Fuck Storm hanno dimostrato più volte di saper far bene, di saper maneggiare il rock (alternativo, indie, noise, quello che volete) meglio di tanti altri – ma direi di quasi tutti.

Luca Ottonelli

Luca Ottonelli. E’ nato a Genova nel 1969 e ho completato i primi studi artistici avendo come maestro di Figura G. Fasce.