The Nitroglycerine – 7’ S/t

The Nitroglycerine – 7’ S/t

Il garage del Bel Paese gode di ottima salute; The Gentlemens, Los Infartos, The Bidons, Magic Cigarettes, The Superslots Terrible Smashers, The Dirtiest, The Barsexuals, The Devils, Le Carogne, Big Mountain County, Sloks sono solo alcuni dei nomi di band nostrane  che stanno rinvigorendo questo genere musicale che si mantiene giovane.

A conferma di questa teoria ecco questo 7’ fresco di uscita per la Chono Records dei salernitani Nitroglycerine. Due pezzi: due rasoiate … influenze 60’s sporcate da una distorta matrice Detroit Sound. Tanto per intenderci il nome della band omaggia una canzone degli amati The Gories.

I Nitroglycerine partono con Gimme Money, suonano schietti; parlano chiaro. Qualsiasi cosa chiediate avrà sempre un prezzo da pagare. Traccia killer che lascia il segno anche nel più tirato dei dancefloor.

L’altro lato è Behind the Scenes; qui i Nitroglycerine sono più acidi, illuminati da luce al neon quasi al limite dell’hard. Ma si sa dietro le quinte va di scena un altro spettacolo; quello della vita reale e a volte è tutto maledettamente più pesante.

Complimenti. Un disco da possedere. Da ascoltare.

Face book:

https://www.facebook.com/TheNitroglycerine/?fref=ts

Membri:
Nico Plescia (fuzz, rythm & lead guitar);
Peppe Casaburi (rythm & lead guitar);
Carmine Siniscalco (drums);
Alfredo Maddaloni (vocals).

Testi di Luigi Sabino (The Valium) per Gimme Money e di Manuel Speziale per Behind the Scenes.

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
1 Comment

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

On Key

Related Posts

Still No One -This is fuel

Still No One -This is fuel: esordio discografico sulla lunga distanza per i trevigiani Still No One dal titolo “ This is fuel”, autoprodotto.

Casual Boots – Casual Boots

Casual Boots: a comporre questo ep fresco di uscita ci pensano quattro pezzi: l’agrodolce Flowers and Raindrops, la smithsiana Lost Things, la fiammata punk di Attitude (il mio brano preferito del lotto) e gli echi degli Housemartins  contenuti in Empty Room.

Memoriam – Rise to power

Atteso ritorno dei Memoriam, il gruppo death metal fondato dal cantante Karl Willetts ex dei Bolt Thrower  da Frank Healy bassista dei Benediction ed ex chitarrista dei Napalm Death, insomma la crema del death metal, coadiuvati molto bene da Scott Fairfax alle chitarre e Spike T. Smith alla batteria.

Cosa resta del duemilaventidue

  Un altro anno se n’è andato, portandosi dietro le scorie di dodici mesi costantemente vissuti al di sotto delle nostre possibilità, castrati da un contesto sociale che non riusciamo a modificare in alcun modo. I sogni anche per questa volta sono rimasti tali, immutati