Uscire dal caos di Gilles Kepel (Raffaello Cortina, 2019)

Uscire dal caos di Gilles Kepel (Raffaello Cortina, 2019) 1 - fanzine

Pubblicato il

Scritto da

Titolo libro: Uscire dal caos | Autore: Gilles Kepel | Ed: Raffaello Cortina

Numero di pagine: 416 | ISBN: 9788832851069

 

Riuscire a comprendere un fenomeno storico e sociale come la questione mediorientale è, allo stato attuale delle cose, davvero difficile. Da una parte c’è la lunghezza e la complessità dei fatti, che se si vuole essere ottimisti, si estendono su almeno centocinquant’anni di storia contemporanea e viaggiano parallelamente al binario della storia europea e occidentale in genere. Dall’altra, la mole di informazioni che si possono oggi recuperare sulla rete, informazioni non solo di natura testuale ma anche audiovisiva e documentaristica, è talmente varia ed estesa che non basterebbero un paio di generazioni per riassumerle.

Tuttavia ci sono studiosi che hanno fatto della cosiddetta “crisi del Mediterraneo” la loro ragione di vita e che si sono anche preoccupati di dare ai profani del tema un quadro riassuntivo soddisfacente. Uno di questi studiosi è Gilles Kepel, politologo e arabista francese, classe 1955, direttore della Middle East Mediterranean Freethinking Platform dell’Università della Svizzera italiana, nonché esperto del Medio Oriente contemporaneo e delle comunità musulmane in Occidente.

Nel suo ultimo libro, Uscire dal caos, La crisi nel Mediterraneo e nel Medio Oriente, tradotto in italiano lo scorso mese dai tipi di Cortina, Kepel mette a disposizione del pubblico una ragionata e divulgativa sintesi della questione mediorientale a partire dalla guerra d’ottobre del 1973 (data d’elezione per l’inizio del caos nel Medio Oriente) fino ad arrivare alla caduta del califfato dell’Isis nel 2017.

Uscire dal caos di Gilles Kepel (Raffaello Cortina, 2019) 3 - fanzine

Il libro è diviso il tre parti. Nella prima l’autore sintetizza genealogicamente questi decenni di “caos” mediorientale, a partire dalla guerra di ottobre del 1973 fino alle rivolte delle “primavere arabe”, tra il 2010 e il 2011. In particolare ho trovato interessante come l’autore riesce a interpretare in maniera “personale” eppure piuttosto condivisibile avvenimenti storici di una certa portata, come la caduta dell’Unione Sovietica (in qualche modo concausata dalla guerra in Afghanistan) e la strage dell’11 settembre 2001.

Nella seconda parte l’autore analizza il decennio che inizia con le “primavere arabe”, nel 2011, prosegue con la proclamazione dello “Stato islamico” e si conclude con la caduta di questo nel 2017. In particolare cerca di spiegare come sia stata possibile una tale contraddizione – partire da istanze fortemente democratiche per arrivare all’“orrore assoluto” dell’Isis e alla riaffermazione di regimi autoritari. Nella terza parte, infine, l’autore si occupa degli eventi che vanno dall’inverno 2017-2018 fino ai giorni nostri al fine di individuare i segni premonitori di ciò che accadrà a breve e ha la pretesa di suggerire quale dovrà essere il ruolo di Stati come gli USA, l’Europa e la Russia nei diversi scenari ipotetici che si andranno a creare.

L’opera di Kepel ha il pregio di tracciare una linea lungo la quale potersi muovere per la comprensione del tema in questione (terribilmente attuale se si pensa a fenomeni di emergenza come quello di queste settimane in Turchia). Un’operazione davvero complessa in un mondo ricco di particolarità e sfumature sociali, politiche e religiose quale è quello mediorientale. Non è facile infatti mantenere un orientamento in un calderone di nomi, eventi, situazioni e devianze teologiche, e di certo tutta la responsabilità nella scioglimento dei dubbi non può essere lasciata al singolo autore, il cui contributo deve inevitabilmente lasciare dei punti inspiegati, dare per scontato problemi e relazioni minuziose che il lettore deve avere la pazienza di ricercare per conto proprio.

Tuttavia, come ho detto, la linea è tracciata, e Uscire dal caos si pone come una guida essenziale e fondamentale nella comprensione di un universo che pensiamo di conoscere, ma che dallo studio della sua evoluzione può lasciarci spiazzati.

No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.