The Somnambulist – Unbegotten

The Somnambulist – Unbegotten

L'impressione generale è che nell'aria ci sia poca ispirazione

A quattro anni di distanza dal loro ultimo lavoro lungo, i The Somnambulist tornano a far parlare di sé con i quattro brani di Unbegotten. Il nuovo ep, anticipato da un paio di singoli nel corso di questo 2016, si muove su scure sonorità rock/psichedeliche, perdendo, a tratti, l’equilibrio.
Ad aprire l’opera è il rock tagliente ma poco entusiasmante di The Slowing Clock (la voce effettata azzera tutte le aspettative). L’energia di Deeply Unutterable & Unimpressed, invece, provando a risollevare la situazione, propone ritmiche sostenute e un timbro vocale scuro e spettrale, lasciando che a seguire siano il grasso cantare, all’interno di ossessivi tunnel sonori, di Unbegotten. Il timbro scuro di Transverberate, infine, chiude il lavoro senza nulla aggiungere.

I quattro brani presentati dai The Somnambulist si dimostrano solidi nella struttura ma piuttosto deludenti per quanto riguarda i contenuti.

L’intero ep, infatti, propone un cantato fin troppo eccentrico abbinato a parti strumentali poco capaci di coinvolgere e attirare l’attenzione.
L’impressione generale è che nell’aria ci sia poca ispirazione.

Ci auguriamo che l’album di prossima uscita smentisca questi presentimenti.

TRACKLIST
01. The Slowing Clock
02. Deeply Unutterable & Unimpressed
03. Unbegotten
04. Tansverberate

LINE-UP
Marco Bianciardi
Thomas Kolarczyk
Luca Andriola

 

URL Facebook
https://www.facebook.com/THE-SOMNAMBULIST-103078016401445/?fref=ts

 

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

On Key

Related Posts

The HangeeS - Heading Back to the Good Valley

The HangeeS – Heading Back to the Good Valley

Stavo ascoltando i Monks, e a rifletterci mi sorge spontaneo un dubbio: cosa avrebbe pensato se invece dei monaci ci fossero stati sul piatto gli HangeeS con il loro nuovo disco la cui data di pubblicazione è il 2022?

RIBBON STAGE – HIT WITH THE MOST

Avevamo già parlato, l’anno scorso, delle Ribbon Stage, terzetto newyorchese a trazione femminile (“Anni Hilator” al basso e voce e “Jolie M-A” alla chitarra e cori, coadiuvate da Mari Softie alla batteria) autore di un indie/noise pop che profuma deliziosamente di (altri) anni Ottanta, quelli di compilation come “C86”, e che avrebbe fatto la fortuna di etichette come la Sarah Records.