The Routes – Instrumentals II – Shake Five

THE ROUTES – INSTRUMENTALS II – SHAKE FIVE

The Routes – Instrumentals II – Shake Five

The Routes – Instrumentals II – Shake Five 1 - fanzineChris Jack non lascia, ma raddoppia. Anzi: triplica. I nippo-britannici Routes arrivano a sfornare ben tre album nel 2021, arrivando complessivamente alla cifra tonda (dieci) di lavori sulla lunga distanza nel giro di tre lustri. Dopo “Mesmerised“, uscito nel mese di aprile, il trio garage/beat/psych si è concesso lo sfizio di registrare ben due album totalmente strumentali. Il primo, in ordine di tempo, si intitola “Instrumentals II” (pubblicato a luglio sulla label portoghese Groovie Records) una sorta di seguito del disco “Instrumentals” del 2012, edito sempre dalla stessa etichetta. I Routes hanno dedicato la copertina dell’Lp al chitarrista giapponese Takeshi Terauchi (scomparso lo scorso 18 giugno) omaggiando l’album “Rashomon” inciso dal compositore negli anni Settanta coi Blue Jeans, e i tre utilizzano una tavolozza sonora che spazia dallo spaghetti western al surf di Dick Dale e Ventures, dal garage rock e gli stomp dei Fifties (Link Wray, Trashmen) alle compilation “Strummin’ Mental”.

 

L’altro album si chiama “Shake Five” (titolo che omaggia il canovaccio “Take Five” del Dave Brubeck Quartet) ed è uscito il 31 agosto grazie a una sinergia tra Double Crown Records, Soundflat/Topsy-Turvy Records e Otitis Media Records. Anche nei dieci pezzi di questi release (la cui versione in cd presenta due bonus tracks, “Trapped Inside” e “Yeti Spaghetti“) ritroviamo un blend di garage rock, punk, surf, R&B e psichedelia e influenze che vanno dai Fifties ai giorni nostri.

 

Se siete stanchi di tanto superfluo “bla bla bla bla bla” che infesta anche il canzoniere di diverse band rock ‘n’ roll (e a volte capita, soprattutto quando si tratta di innocui testi d’amore) questo doppio 33 giri strumentale è quello che fa per voi: niente fronzoli, tutta sostanza, chitarre spigolose e un sound versatile ed eccitante.

 

TRACKLIST

 

“INSTRUMENTALS II”

 

1. Pistolero
2. Kapow!
3. Sophisticated Sasquatch
4. Apocalyspo
5. 20 Year Blink
6. Ain’t It Black
7. Snail Love Story
8. Can’t Be Helped
9. Hang Down
10. Hello I Shove You

 

“SHAKE FIVE”

 

1. Calimocho Stomp
2. Guitar Weirdo
3. Shake Five
4. Wasabi Attack
5. Fashion Victim
6. Mongolian Chop
7. Concrete Boots
8. Tickler Of Fancies
9.  Space Age Blues
10.  Ant Hell

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

On Key

Related Posts

Mudhoney, ad aprile il nuovo album. Condiviso il primo singolo

Dopo un silenzio discografico durato quattro anni (escludendo split singles e la ristampa espansa del 2021 per il trentennale di “Every good boy deserves fudge”, infatti, risale al 2019 l’ultima pubblicazione di materiale ufficiale, l’Ep “Morning in America”) tornano i Mudhoney

Still No One -This is fuel

Still No One -This is fuel: esordio discografico sulla lunga distanza per i trevigiani Still No One dal titolo “ This is fuel”, autoprodotto.

Casual Boots – Casual Boots

Casual Boots: a comporre questo ep fresco di uscita ci pensano quattro pezzi: l’agrodolce Flowers and Raindrops, la smithsiana Lost Things, la fiammata punk di Attitude (il mio brano preferito del lotto) e gli echi degli Housemartins  contenuti in Empty Room.

Memoriam – Rise to power

Atteso ritorno dei Memoriam, il gruppo death metal fondato dal cantante Karl Willetts ex dei Bolt Thrower  da Frank Healy bassista dei Benediction ed ex chitarrista dei Napalm Death, insomma la crema del death metal, coadiuvati molto bene da Scott Fairfax alle chitarre e Spike T. Smith alla batteria.