iye-logo-light-1-250x250
Webzine dal 1999
Cerca
Close this search box.

The Rolling Stones 1961 – 2016 Di Massimo Bonanno

The Rolling Stones 1961 - 2016 Di Massimo Bonanno: Massimo Bonanno vissuto stabilmente a Genova fino agli anni ottanta, si trasferisce a Londra dove ha modo di finire il s...

The Rolling Stones 1961 – 2016 Di Massimo Bonanno

Massimo Bonanno vissuto stabilmente a Genova fino agli anni ottanta, si trasferisce a Londra dove ha modo di finire il suo primo libro sulla band, dal titolo “The Rolling Stones Chronicle”, pubblicato negli anni novanta.

In questo volume Massimo Bonanno racconta i Rolling Stones, dagli esordi ai giorni nostri, senza tralasciare nulla: demo, concerti, album, bootleg, scandali, rumors, curiosità, arresti, business, rarità per collezionisti e trasgressioni. A scandirne il percorso ci sono i loro dischi raccontati uno ad uno ed inquadrati nell’evoluzione e storia della formazione di Jagger e soci arrivando sino al loro ultimo album “Blue e Lonesome” del 2016 con cui ritornano alle radici blues.Grazie a un rapporto diretto con Andrew Loog Oldham, primo produttore del gruppo, e con Philip Townsend, lo storico fotografo dei primi anni Sessanta, Bonanno ha ricostruito, con precisione e cura dei dettagli, la vita della band.

Il libro è molto interessante, soprattutto per capire cosa sono stati e molto probabilmente cosa saranno i Rolling Stones. Il rapporto Mick / Keith pieno di alti e bassi, scandisce una storia affascinante, a cui gli Stones non hanno ancora voglia di mettere la parola fine, come raccontano gli stessi Jagger, Richards, Watts e Wood nelle pagine finali del libro.

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

On Key

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE

Abyssal – Glacial

Con Glacial gli Abyssal alzano ulteriormente l’asticella qualitativa perché in questa traccia unica di oltre quaranta minuti dal doloroso incedere si compie l’ideale connubio tra la scarnificazione del sound e il più canonico e pesante susseguirsi dei riff.

Sumac – The healer

Sumac: una delle più particolari e meravigliose esperienze sonore che possiate compiere in questi tempi aridi.