iye-logo-light-1-250x250
Webzine dal 1999
Cerca
Close this search box.

Recensione : The Fall Of Every Season – Amends

Marius Strand, polistrumentista norvegese, ritorna sulla scene a cinque anni di distanza dall’ottimo esordio intitolato “From Below”, confermando le buoni impressioni destate in quel frangente.

The Fall Of Every Season – Amends

Il sound proposto dal musicista di Trondheim affonda le proprie radici nel doom distaccandosene però, frequentemente, nei passaggi ottimamente congegnati che richiamano alla memoria gli ultimi lavori di Katatonia e, soprattutto, Opeth, non solo per una certa somiglianza a livello vocale con Mikael Akerfeldt.
Amends denota un ulteriore progresso a livello compositivo mostrando un’apprezzabile armonia tra le diverse anime presenti al suo interno, senza per questo sacrificare l’impatto emotivo dei brani a discapito di qualche sperimentazione di troppo, come spesso avviene quando si cerca a tutti i costi l’elemento di discontinuità da inserire nel songwriting; conoscendo bene i rischi e le controindicazioni che spesso inficiano i lavori delle one-man band, The Fall Of Every Season si conferma un progetto ben bilanciato in ogni suo aspetto esecutivo, non lesinando quegli ampi sprazzi di malinconia che sono la trave portante del genere proposto.
Il lavoro consta di quattro lunghe tracce più un breve intermezzo strumentale (A Portrayal) che, in qualche modo, funge da spartiacque all’interno dell’album, riservando all’accoppiata iniziale Sole Passenger e The Mammoth i passaggi più orientati al doom mentre Aurelia e Come Waves, grazie alla rarefazione delle atmosfere che le contraddistinguono, sono avvicinabili alla magistrale accoppiata di band svedesi citata in apertura.
Difficile trovare punti deboli nella proposta di Marius Strand, segno evidente che un lustro non è passato invano, non solo per gli evidenti progressi nell’uso delle clean vocals; Amends è un lavoro di elevata qualità in grado di mettere d’accordo anche gli abituali fruitori di generi lontani dal doom.

Tracklist :
1. Sole Passenger
2. The Mammoth
3. A Portrayal
4. Aurelia
5. Come Waves

Line-up :
Marius Strand – All Instruments

THE FALL OF EVERY SEASON – pagina Facebook

Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE

Abysskvlt – mDzod Rum

Gli Abysskvlt, con mDzod Rum, propongono un’opera di grande spessore, sia dal punto di vista spirituale che strettamente musicale, ma non si può nascondere che tali sonorità siano principalmente rivolte a chi possiede un’indole incline alla meditazione.

Silent Vigil – Hope and Despair

Se in passato il sound traeva principalmente linfa dall’insegnamento dei Daylight Dies, tutto sommato Hope and Despair è un album che si muove in continuità con quello stile, che qui viene ulteriormente ribadito dando alla fine l’auspicato seguito, sia pure con il nuovo moniker Silent Vigil, alla brusca archiviazione degli Woccon avvenuta dieci anni fa.

Celestial Season – Mysterium III

La terza parte di Mysterium si muove stilisticamente in continuità rispetto a quanto fatto nella prima metà degli anni novanta ma senza che questo assuma un sentore di stantio, con l’adesione genuina a quegli storici stilemi che diviene il punto di forza nell’operato dei Celestial Season di questo decennio.