Tenniscoats: sinolo di materia e forma.

Tenniscoats: sinolo di materia e forma.

“Kokoro”, in lingua giapponese, è parola che esprime un sottile ma decisiva ambiguità semantica: rappresenta sia il cuore, il muscolo che pompa incessantemente il sangue in tutte le membra del corpo, che lo spirito, l’anima, l’afflato vitale che configura la nostra natura più profonda. Indica dunque, tanto sul piano materiale quanto su quello spirituale, il principium individuationis, ciò che noi stessi siamo, nella nostra irripetibile e inscindibile singolarità.

È fin troppo evidente che l’obiettivo dei Tenniscoats, con questo disco, sia colpire direttamente al Kokoro di ognuno di noi.

 

In “Papa’s ear”, uscito per la prima volta nel 2011 ma appena ristampato in versione vinilica con due bonus track, il duo giapponese collabora col trio svedese Tape. Il risultato è una sorta di post rock/folk dominato da uno scarno minimalismo che si concretizza in brani di asciutta bellezza, in cui risplende una luce dalla purezza assoluta, adamantina.

Bellissimi arpeggi di chitarra si intersecano a fiati, armoniche e tastiere, a creare una sorta di immagine sonora dell’eternità, sottile seppur consistente, come la morbida carezza di una piuma sulla guancia.

Il vero punto forte di questo lavoro è senza dubbio la voce, femminea, tanto esile nel timbro quanto intensa nel dilaniare l’ascoltatore. È uno stiletto sottile ma affilatissimo, che con colpi leggeri ma incredibilmente precisi perfora e perfora, ripetutamente.

Non si è più gli stessi dopo quest’esperienza sonora, in cui l’etereo si fa corposo, al punto da pesare sulle spalle come un macigno, tanto da schiacciare, lasciare lì, inermi, sdraiati nel nulla, in quel profondo e ineffabile tutto che siamo nella nostra più intima essenza, nel Kokoro,

appunto.

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

On Key

Related Posts

Still No One -This is fuel

Still No One -This is fuel: esordio discografico sulla lunga distanza per i trevigiani Still No One dal titolo “ This is fuel”, autoprodotto.

Casual Boots – Casual Boots

Casual Boots: a comporre questo ep fresco di uscita ci pensano quattro pezzi: l’agrodolce Flowers and Raindrops, la smithsiana Lost Things, la fiammata punk di Attitude (il mio brano preferito del lotto) e gli echi degli Housemartins  contenuti in Empty Room.

Memoriam – Rise to power

Atteso ritorno dei Memoriam, il gruppo death metal fondato dal cantante Karl Willetts ex dei Bolt Thrower  da Frank Healy bassista dei Benediction ed ex chitarrista dei Napalm Death, insomma la crema del death metal, coadiuvati molto bene da Scott Fairfax alle chitarre e Spike T. Smith alla batteria.

Cosa resta del duemilaventidue

  Un altro anno se n’è andato, portandosi dietro le scorie di dodici mesi costantemente vissuti al di sotto delle nostre possibilità, castrati da un contesto sociale che non riusciamo a modificare in alcun modo. I sogni anche per questa volta sono rimasti tali, immutati