iye-logo-light-1-250x250
Webzine dal 1999
Cerca
Close this search box.

Recensione : Sawthis – Youniverse

Terzo disco per i marchigiani Sawthis, che con Youniverse si pongono all’attenzione generale con un disco ambizioso e sicuramente volto ad uscire dai confini dell’underground nostrano.

Sawthis – Youniverse

La definizione di thrash band per i nostri è parzialmente fuorviante, visto che qui non ci troviamo affatto di fronte all’esibizione dei molti epigoni di Testament, Exodus, Kreator e compgnia, bensì alle prese con una somma di diverse influenze che vanno a costituire un mosaico musicale dal risultato comunque omogeneo, talvolta persino troppo.
Sì, perché se vogliamo rinvenire un difetto all’interno di Youniverse è proprio una struttura complessiva dei brani piuttosto uniforme, con un refrain melodico che giunge puntualmente dopo l’aggressivo tecnicismo iniziale; niente che riesca a inficiarne in maniera decisiva il valore, dato che l’album si snoda in maniera convincente rimbalzando tra rimandi a Soulfly, In Flames, Machine Head, Pantera e molti altri bei nomi che hanno segnato la scena estrema degli ultimi decenni.
Un produzione impeccabile ed un pregevole lavoro d’insieme, costituiscono il viatico ideale per un disco che non delude le aspettative e che, tutto sommato, potrà essere gradito sia da chi predilige sonorità estreme sia da chi non disprezza più accattivanti inserti melodici.
Piuttosto che ricercare questo o quel brano particolarmente efficace va rimarcato quello che è l’esito nel suo complesso, un’aggressione sonora ben calcolata e alla quale, volendo, la traccia conclusiva The Walking ne costituisce l’ideale compendio con il suo groove coinvolgente.
Un lavoro decisamente positivo e, come detto, di buona caratura per una band che probabilmente, con questo tipo di sonorità, dovrebbe risultare ancor più efficace dal vivo.

Tracklist:
1.The Logical Colors
2.The Waking Up
3.The Voice Falls On Me
4.The Disturbed
5.The Crowded Room
6.The Indeleble
7.The Impure Soul
8.The Spotlight
9.The Mad
10.The Switch
11.The Walking

Line-up :
Alessandro Falà – vocals
Adriano Quaranta – guitar
Janos Murri – guitar
Gaetano Ettorre – bass
Michele Melchiorre – drums, vocals

SAWTHIS – Facebook

Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE

Abyssal – Glacial

Con Glacial gli Abyssal alzano ulteriormente l’asticella qualitativa perché in questa traccia unica di oltre quaranta minuti dal doloroso incedere si compie l’ideale connubio tra la scarnificazione del sound e il più canonico e pesante susseguirsi dei riff.

Urza/Calliophis – Dawn of a Lifeless Age

Calliophis e Urza uniscono le loro forze proponendo lo split album Dawn of a Lifeless Age, molto interessante oltre che di durata corposa, con ciascun gruppo a proporre due brani inediti di durata superiore ai 10 minuti e, soprattutto, di ottimo livello qualitativo.

Orphean Passage – Apart

La bravura degli Orphean Passage risiede nel fare propria la lezione di chi ha codificato a suo tempo il death doom melodico per poi assemblarne i diversi stili, regalando un album come Apart struggente, melodico e, allo stesso tempo, fresco come si conviene a una band al primo passo discografico

Blazing Eternity – A Certain End of Everything

Un eccellente album come A Certain End of Everything può sorprendere solo chi non conosce i Blazing Eternity a causa del loro lungo silenzio discografico, perché sulle doti intrinseche di questa band non ci sono mai stati soverchi dubbi.