Rsd 2020, Ecco Il Nuovo Album Dei Fleshtones

Rsd 2020, Ecco Il Nuovo Album Dei Fleshtones

Rsd 2020, Ecco Il Nuovo Album Dei Fleshtones:

Dopo un travagliato percorso fatto di posticipi, causa epidemia covid-19, che ne ha ritardato ...

Dopo un travagliato percorso fatto di posticipi, causa epidemia covid-19, che ne ha ritardato l’uscita, collegata al Record Store Day pre-drops (inizialmente previsto per il 20 aprile, poi il 20 giugno) questa volta ci siamo. Il nuovo album degli americani Fleshtones, intitolato “Face Of The Screaming Werewolf“, vedrà finalmente la luce il 24 ottobre, giorno della terza e ultima tranche di celebrazioni del RSD 2020.

La più longeva garage band in attività giunge al suo ventesimo album in studio, pubblicato dalla Yep Roc Records sia in cd, sia in vinile (disponibili in sole 1350 copie per ciascun formato) e intanto, nell’attesa, aveva condiviso il singolo “Alex Trebek” e fatto uscire il disco dal vivo “Live At Yep Roc 15” a maggio.

Di seguito, artwork e tracklist dell’album.

Rsd 2020, Ecco Il Nuovo Album Dei Fleshtones 1 - fanzine

1. Face Of The Screaming Werewolf
2. Alex Trebek
3. Spilling Blood (At the Rock & Roll Show)
4. Child Of The Moon (Rolling Stones cover)
5. Manpower Debut
6. Swinging Planet X
7. You Gotta Love, Love
8. Violet Crumble, Cherry Ripe
9. Waiting On A Girl
10. The Show Is Over
11. Somerset Morning

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

On Key

Related Posts

The HangeeS - Heading Back to the Good Valley

The HangeeS – Heading Back to the Good Valley

Stavo ascoltando i Monks, e a rifletterci mi sorge spontaneo un dubbio: cosa avrebbe pensato se invece dei monaci ci fossero stati sul piatto gli HangeeS con il loro nuovo disco la cui data di pubblicazione è il 2022?

RIBBON STAGE – HIT WITH THE MOST

Avevamo già parlato, l’anno scorso, delle Ribbon Stage, terzetto newyorchese a trazione femminile (“Anni Hilator” al basso e voce e “Jolie M-A” alla chitarra e cori, coadiuvate da Mari Softie alla batteria) autore di un indie/noise pop che profuma deliziosamente di (altri) anni Ottanta, quelli di compilation come “C86”, e che avrebbe fatto la fortuna di etichette come la Sarah Records.