iye-logo-light-1-250x250
Webzine dal 1999
Cerca
Close this search box.

Recensione : Red Rose – On The Cusp Of Change

Gli israeliani Red Rose arrivano al loro secondo disco due anni dopo l’esordio "Live The Life You've Imagined"; in sede di presentazione il sound viene definito un mix tra hard rock melodico, pomp rock ed heavy metal, ma francamente, di quest’ultimo si rinvengono all’ascolto solo flebili tracce.

Red Rose – On The Cusp Of Change

In effetti, l’opener When Roses Faded sarebbe un ottimo biglietto da visita, trattandosi di un riuscito esempio di symphonic prog metal, dai marcati tratti melodici e dotato di un chorus coinvolgente, e anche Chasing Freedom, pur mostrando già un alleggerimento del sound, mantiene abbastanza elevato il livello. Peccato che il resto del lavoro si allontani progressivamente da questo canovaccio sonoro , facendo eccezione per la relativamente più cupa Original Sin, lasciando spazio così ad un AOR senz’altro ben eseguito ma oggettivamente troppo leggero per riuscire a fare breccia al di fuori della cerchia dei cultori del genere.
L’inserimento sporadico di qualche elemento di carattere etnico, come nell’intro di Don’t Believe These Tales può provocare qualche curiosità in più ma non può certo rivelarsi come un tratto distintivo del suono della band e anche il brano di chiusura Seize The Day è indubbiamente una ballad ben congegnata e melodicamente inappuntabile ma è On The Cusp Of Change, nel suo complesso, che si rivela un disco privo della necessaria profondità.
E’ probabile che i miei gusti personali influiscano in maniera decisiva sulla valutazione finale e per questo non me la sento di bocciare un lavoro oggettivamente ben eseguito, non potendo escludere peraltro che i Red Rose riescano a fare breccia su un pubblico più abituato a questo tipo di sonorità.

Tracklist :
1. When Roses Faded
2. Chasing Freedom
3. King of the Local Crowd
4. Original Sin
5. Alone in the Night
6. This Bitter World
7. Don’t Believe These Tales
8. Seize the Day

Line-up :
Eli Reeve Bass
Elnur Aliev Guitars
See also: ex-The Afterlife
Deion Kristen Keyboards
Leve Laiter Vocals

RED ROSE – pagina Facebook

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE

Sutratma – Images Beyond the Self / Realms of Eternal Immolation

La particolare scelta operata dai Sutratma ci consente di ascoltare circa un’ora e quaranta minuti di ottimo funeral doom atmosferico, composto con grande competenza, sempre con un occhio molto attento a un’idea di forma canzone che non è così scontata in questo sottogenere e, soprattutto, con un’importante componente melodica che rende molto più semplice l’assimilazione di tutti i brani, anche quelli di maggiore estensione.

Who Dies in Siberian Slush – Уроки cмирения

Уроки cмирения è un’opera rigorosa e compatta, con alcuni brani più melodici di altri senza che ciò provochi un’oscillazione eccessiva a livello qualitativo. Gli Who Dies in Siberian Slush si confermano con questo ultimo lavoro tra gli interpreti più credibili e genuini del funeral doom mondiale e questo, da solo, è un motivo più che valido per dar loro fiducia ancora una volta.