iye-logo-light-1-250x250
Webzine dal 1999
Cerca
Close this search box.

Recensione : Northumbria – Bring Down The Sky

Musica per l’anima e per la mente.

Northumbria – Bring Down The Sky

Per commentare un album come quello dei Northumbria per una volta è bene partire da un aspetto troppo spesso sottovalutato come la copertina.

La musica del duo di Toronto, attivo con questo monicker dal 2011, si sposa infatti alla perfezione con l’immagine che ci rimanda a distese desolate sovrastate da un cielo che plumbeo che, a seconda dello stato d’animo con il quale lo si osserva, pare promettere una pioggia torrenziale oppure far presagire un’improvvisa schiarita.
Un situazione quindi foriera di qualsiasi evoluzione, proprio come il sound dei Northumbria, minaccioso a tratti ma capace anche di stemperarsi melodicamente su coordinate quasi frippiane (The Ocean Calls us Home)
L’ambient drone dei canadesi ha, infatti, il grande pregio di non rappresentare una serie di suoni messi assieme tanto per saturare il minutaggio previsto, ma rappresenta invece un flusso costante che delinea paesaggi di mondi misteriosi, nei quali l’apparente serenità emanata dal sound può lasciare spazio poco dopo ad un soffuso senso di inquietudine.
Jim Field e Dorian Williamson con Bring Down The Sky trasportano questo genere musicale su un livello ben più elevato di quanto avviene solitamente (con il contributo in fase di registrazione del “guru” James Plotkin) e i quasi tre quarti d’ora lungo i quali il lavoro si sviluppa scorrono in maniera fluida senza annoiare.
Musica per l’anima e per la mente.

Tracklist:
1.Transcendence
2.The Ocean Calls us Home
3.Ostara
4.The Silver Forest
5.Bring Down the Sky

Line-up:
Jim Field – Guitar
Dorian Williamson – Bass guitar

NORTHUMBRIA – Facebook

Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE

Amarok – Resilience

La cifra compositiva degli Amarok è piuttosto personale in quanto, rispetto al più canonico sludge doom, la band californiana non teme di rallentare i ritmi fino a sfiorare un’asfissia scongiurata dal mood atmosferico e melodico che pervade buona parte di un lavoro riuscito come Resilience.

Abysskvlt – mDzod Rum

Gli Abysskvlt, con mDzod Rum, propongono un’opera di grande spessore, sia dal punto di vista spirituale che strettamente musicale, ma non si può nascondere che tali sonorità siano principalmente rivolte a chi possiede un’indole incline alla meditazione.

Silent Vigil – Hope and Despair

Se in passato il sound traeva principalmente linfa dall’insegnamento dei Daylight Dies, tutto sommato Hope and Despair è un album che si muove in continuità con quello stile, che qui viene ulteriormente ribadito dando alla fine l’auspicato seguito, sia pure con il nuovo moniker Silent Vigil, alla brusca archiviazione degli Woccon avvenuta dieci anni fa.