METTI UNA SERATA IN SANTERIA

METTI UNA SERATA IN SANTERIA 1 - fanzine

METTI UNA SERATA IN SANTERIA

“C’è poco dio a Trento, figurati a Milan”

Durante la settimana del salone del mobile, oltre ai mega party fighetti di cui spesso noi non raccomandati possiamo solo ammirare le code all’ ingresso, è possibile trovarsi in un ambiente accogliente in cui godersi aggratis un concerto d’ eccezione .

Sabato 21 , al Santeria di Milano la piccola Orchestra Felix lalù e Johnny Mox, due tra gli artisti più eclettici e underground del panorama musicale italiano, si sono esibiti tra suoni digitali, basi create sul momento e travestimenti improbabili dando vita ad uno show conturbante che ha lasciato nel pubblico l’ occhio languido di chi si è goduto una buona grappa, di quelle che si distillano nelle valli del Trentino da dove provengono questi artisti.
Felix Lalù ha colto l’ occasione per presentare la sua nuova fatica “E’ cosa buona e giusta” . Un album, definito nei peggiori bar di Trento tra il neo-melodico alpino e il punk da cameretta, confezionato a regola d’ arte con tanto di libretto esplicativo e custodia sberluccicante. Tutto ovviamente corredato da immagini, colori e illustrazioni create dallo stesso Felix .
La Piccola Orchestra Felix Lalù sta a un rifugio in alta quota come i neomelodici stanno a Napoli, più una dose di distorsione acustica. Felix Lalù tratta il punk, il reggae il folk e la disco come fossero cori della montagna da cantare a squarciagola con il solo scopo di provocare valanghe. Chitarra, kazù e looper sono le armi giuste per far muovere i culi alle sbarbe e le chiome ai metallari

Qui nel suo sito potrete trovare cose davvero interessanti: http://waww.felixlalu.it/

Da questo link consiglio di ascoltare “C’è poco dio” :

se poi l’ orda dei trentini cannibali vi stuzzica la voglia andatevi a vedere il blog di johnny mox :

http://johnnymox.blogspot.it/

METTI UNA SERATA IN SANTERIA

No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.