iye-logo-light-1-250x250
Webzine dal 1999
Cerca
Close this search box.

Recensione : Mario Grönnert And Mondfish – In Two Seas

Una dimostrazione di sensibilità ed eleganza tutt’altro che scontata per Mario Grönnert e i Mondfish.

Mario Grönnert And Mondfish – In Two Seas

Come suole dire il nostro amico Red Sky, “la musica è una”, e non si può dare torto al metal-rapper mascherato: solo così infatti, è possibile per il nostro udito di appassionati a 360° passare dai suoni più violenti ed abrasivi alle note cullanti della musica ambient.

Uno degli esponenti di punta di questo genere è senza dubbio Brian Eno il quale, anche sulla scia della fama acquisita come musicista rock (prima con i Roxy Music e poi in proprio), ebbe la possibilità di raggiungere un buon numero di appassionati offrendo loro un modo di ascoltare musica completamente nuovo.
Piuttosto che emergere come una nave sull’oceano, diventa parte di quello stesso oceano. Musica che sentiamo, ma che non sentiamo; suoni che esistono per metterci in condizione di sentire il silenzio; suoni che ci rilevano dal nostro bisogno compulsivo di analizzare, incasellare, categorizzare isolare…” (David Toop) : questa citazione, piuttosto nota, credo sia una delle migliori descrizioni possibili e si adatta alla perfezione anche al contenuto dello split album oggetto di queste righe, In Two Seas, che riunisce il promotore dell’operazione, Mario Grönnert, e i Mondfish.
Il primo è un muscista tedesco che ha un background piuttosto simile al geniale Eno, avendo intrapreso agli inizi della carriera la via del rock progressivo e del folk, mentre nel corso degli anni il suo interesse si si è sempre più spostato verso l’ambient, concretizzandosi con l’uscita di due album (“From land to light” e “Waters drown in stone”), mentre Mondfish è invece un progetto dei giapponesi Kaetsu Takahashi and Yorihisa Taura.
In Two Seas è un lavoro che offre quasi quaranta minuti di ambient di qualità, eseguita da musicisti che si muovono con la dovuta competenza in quest’ambito; se ad un primo acchito può sembrare paradossale parlare di ambient “bella o brutta”, la verità è che la differenza tra tra un’interpretazione appropriata ed una approsimativa si sente eccome, proprio perché in quest’ultimo caso il flusso musicale finisce per disturbare invece di avvolgere l’ascoltatore nel suo abbraccio soffice e discreto.
La musica appare più fluttuante nei brani di Grönnert, mentre assume sfumature cosmiche in quelli dei Mondfish: differenze minime, inevitabilmente, ma sufficienti per fornire un’impronta ad ogni brano derivante anche dai diversi background culturali e musicali degli artisti coinvolti.
Una dimostrazione di sensibilità ed eleganza tutt’altro che scontata per Mario Grönnert e i Mondfish.

Tracklist:
1.Mario Grönnert – Of departures
2.Mario Grönnert –  … and strange horizons
3.Mondfish – Euphoria
4.Mondfish – Slowdiver
5.Mondfish – Hidden pieces

MARIO GRONNERT – Facebook

Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE

Silent Vigil – Hope and Despair

Se in passato il sound traeva principalmente linfa dall’insegnamento dei Daylight Dies, tutto sommato Hope and Despair è un album che si muove in continuità con quello stile, che qui viene ulteriormente ribadito dando alla fine l’auspicato seguito, sia pure con il nuovo moniker Silent Vigil, alla brusca archiviazione degli Woccon avvenuta dieci anni fa.

Celestial Season – Mysterium III

La terza parte di Mysterium si muove stilisticamente in continuità rispetto a quanto fatto nella prima metà degli anni novanta ma senza che questo assuma un sentore di stantio, con l’adesione genuina a quegli storici stilemi che diviene il punto di forza nell’operato dei Celestial Season di questo decennio.

Ruststained – Years in Vain

L’operato dei Ruststained non appare affatto didascalico anche perché traspare ad ogni nota una genuinità e una passione che sono lontani anni luce da ogni forma di plastificazione musicale.