Like A Paperplane – Unfolding Light

Like A Paperplane – Unfolding Light

Il disco è suonato bene e ci sono molte potenzialità, ma la sensazione è che non ci sia mai quel trasporto emozionale che uno si aspetterebbe e che fa fare il salto di qualità.

Unfolding Light è la prima fatica sulla lunga distanza dei fiorentini Like A Paperplane, che esce dopo il primo EP “Light” del 2012. Se immaginiamo di rappresentare visivamente il post rock strumentale con grafici di onde, questo disco avrebbe poche oscillazioni, caratterizzate da piccole ampiezze.

Il disco è suonato bene e ci sono molte potenzialità, ma la sensazione è che non ci sia mai quel trasporto emozionale che uno si aspetterebbe e che fa fare il salto di qualità: #8 è, infatti, un inizio poco convincente che sa di compitino che strappa a malapena la sufficienza mentre As I lay watching the clouds drifting over a wheat field ha un titolo che non tradisce le aspettative: intro stupendo che ti solleva da terra di almeno qualche metro, connotazioni ambient, decisamente più varia dal punto di vista ritmico e dell’andamento.
Memories e Basement sorprendono per la contaminazione con chitarre distorte, insolitamente hard per il genere, ma rimangono in linea con la canzone di apertura: non ti entrano con prepotenza nel cuore.
Si risale con le passioni ascoltando Maybe their guns shoot colors e si chiude con A brand new start, Light, now e Farewell che riportano le orecchie verso suoni più consoni al genere, ma non meno stimolanti e affascinanti.
Unfolding Light è sicuramente legato a contaminazioni e potremmo definirlo un post rock sui generis: i pro sono ovviamente sonorità diverse e particolari, i contro che certi passaggi (Bottom of Barrel) possono risultare poco apprezzati dai puristi del genere.
Non proprio entusiasmante l’artwork, soprattutto nelle pagine interne del libretto.

Tracklist :
1. #8
2. As I lay watching the clouds drifting over a wheat field
3. Memories
4. Maybe their guns shoot colors
5. Basement
6. Bottom of Barrel
7. A brand new start
8. Jupiter Skyline
9. Light, now
10. Farewell

Line-up :
Mattia Nocerini – batteria
Roman Dagner – basso
Marco Adoni – chitarra
Lorenzo Lotti – chitarra

LIKE A PAPERPLANE – Facebook

https://www.youtube.com/watch?v=iDn-bz9qaUs

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

On Key

Related Posts

The Cogs – White Boy, White Girl

The Cogs – White Boy, White Girl: son dischi come questo che mi fanno ancora credere che qualcosa si può fare, che non tutto è finito: finché in giro ci saranno persone come i Cogs non ci si può sentire soli, isolati, incompresi; è davvero impossibile.

Intolerant - Zero Point - Extreme Chaos Records\Despise The Humans-2022

Intolerant – Zero Point

Intolerant Zero Point: Il risultato è un disco di una potenza e di una nera bellezza incredibile, una guerra combattuta schiacciando ossa e vite con macchine gigantesche guidate da negromanti che mangiano lsd e respirano fumi radioattivi.

“Non c’è ritorno” di Jim Shepard, edito da 66THAND2ND

Non c’è ritorno di Jim Shepard

Nell’introduzione a questi racconti, ha scritto: “Imparare a perdere una partita, dopotutto, non è un modo sbagliato per iniziare a imparare come perdere qualcosa di più grave. Non c’è ritorno di Jim Shepard

Brian Jonestown Massacre, nel 2023 il nuovo album: ecco i dettagli

Anton Newcombe ha annunciato di avere in programma un nuovo album per la sua creatura neopsichedelica Brian Jonestown Massacre. Il long playing si intitola “The future is your past” e vedrà la luce il 10 febbraio del prossimo anno su A Recordings, etichetta fondata dallo