Conosciamo Meglio Il Senegal

Conosciamo Meglio Il Senegal:

Per integrarsi meglio e non creare disagio in Senegal. Ecco qualche regola:

...

Conosciamo Meglio Il Senegal

Per integrarsi meglio e non creare disagio in Senegal. Ecco qualche regola:

  1. I saluti sono estremamente importanti: in Senagal diciamo “buongiorno”, tutte le volte, a tutti quanti, anche a qualcuno che non abbiamo mai visto e che non rivedremo mai. “Salamalekum” (si risponde “Alekum Salam”) è di buon uso. Non esitate a chiedere della famiglia, anche se non la conoscete. Si finisce con un “Alhamdoulilahi”.
  2. Gli scherzi: non scioccatevi se sentite due senegalesi trattarsi a vicenda come schiavi (“Suma jaam nga”: tu sei il mio schiavo). Questo risale a molto tempo fa, quando certe caste avevano il potere e la ricchezza e mantenevano dei “dipendenti”. Tutto ciò oggi è scomparso ma rimane oggetto di scherzo. Succede fra i Siop e i N’Diaye, i Gaye e i Siagne, i Wade e i Mbaye, e anche i Sérères e i Diola.
  3. Quello che non bisogna mai fare: scavalcare qualcuno che è sdraiato; appoggiare la borsa di qualcun altro direttamente per terra; comprare del carbone, del sale, del pepe, del peperoncino,  degli aghi, dei coltelli, dei rasoi, dopo l’arrivo della notte (attira i cattivi spiriti). Per gli uomini, lavorare la malta. Mangiare o donare qualcosa con la mano sinistra. Camminare su un tappetino con delle forbici.
  4. Quello che bisogna sempre fare: dire buongiorno, prima di tutto. Chiedere notizie sulla famiglia. Salutare gli anziani con rispetto. Donare qualcosa a un mendicante una volta al giorno. Bere il proprio tè facendo “slurp”. Riaccompagnare gli ospiti facendo qualche passo con loro.
  5. I pasti: i pasti si fanno accovacciati per terra o seduti su di uno sgabello, in un piatto comune. Spesso si usano le mani. Toglietevi le scarpe prima di camminare sul tappeto. Lavatevi le mani e usate solo la mano destra, la sinistra è riservata ad altri usi. Prima di cominciare a mangiare, aspettate che il padrone o la padrona di casa finiscano di pronunciare il “Bismilahi”. Beviamo solo una volta finché il piatto principale non è finito. Per il suo ospite, la padrona di casa la toglie le lische del pesce o avanza il morso migliore:  se sarà, non imbarazzatevi. Di solito gli uomini mangiano prima; le donne e i bambini dopo.

13435806_587255524777393_444905877_n

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

On Key

Related Posts

“Riflessioni sulla pena di morte” di Albert Camus, edito da SE

Riflessioni sulla pena di morte di Albert Camus

“Réflexions sur la guillotine” è un saggio del ’57 di Camus che appare prima sulla “Nouvelle Revue Francaise” e poi nel libro “Réflexions sur la peine capitale”

Alexander Gonzalez Delgado

Gonzalez Delgado (o piĂą semplicemente Sasha), nonostante l’avversione di Zuckerberg per il corpo nudo e i capezzoli femminili in primis.

The Rellies - Monkey / Helicopter 7"

The Rellies – Monkey / Helicopter 7″

The Rellies : adoro questo gruppo di fanciulli, suonano semplice e sghembo come piace a me e, a quanto pare, non sono l’unico giacchĂ© questo singolo viene licenziato da un’etichetta stravirtuosa come la Damaged Gods.