iye-logo-light-1-250x250
Webzine dal 1999
Cerca
Close this search box.

Recensione : Bradipos Iv – Live At Kfjc Radio Usa

I Bradipos IV tornano a graziare le nostre orecchie avide di surf e rock'n'roll con un bel live registrato nella mecca del surf, la California.

Bradipos Iv – Live At Kfjc Radio Usa

I Bradipos IV tornano a graziare le nostre orecchie avide di surf e rock’n’roll con un bel live registrato nella mecca del surf, la California.

L’ascolto di un disco dei Bradipos IV è un’esperienza che andrebbe fatta almeno una volta della vita. Non perché siano capolavori assoluti della musica moderna, incisioni spettacolari per vastità degli stilemi musicali messi in campo o seminali prime-mover di scene musicali future. No, niente di tutto questo. Anzi, se è questo che andate cercando è meglio che svoltiate al primo angolo e prendiate un’altra strada.

No, i Bradipi hanno piuttosto condensato nelle loro incisioni – e questo live non fa eccezione alcuna – un genere musicale ben preciso e determinato: il surf rock’n’roll strumentale che andava alla grande negli Stati Uniti degli anni ’60 prima dell’ascesa fulminante del pop surf vocale dei Beach Boys. Ci sono il buon Dick Dale e suoi fidi Delftones così come Dave Allan e il lunatico Link Wray che fanno capolino un po’ dovunque, incontrando una vena popolare italiana che viene trasfigurata e distorta ad uso e consumo degli amanti del garage-surf. Questa è roba pulp fino al midollo, qualcosa che farebbe saltare sulla sedia gente come Tarantino o Mike Patton! E un po’ anche noi, diciamolo pure senza vergogna.

A ben sei anni dall’ultima release ufficiale (Surf Session, del 2005) i nostri Bradipi tornano con questo live, registrato alla radio KFJC di Los Altos Hill, CA sotto la supervisione di Philip Dirt. E su una cosa non vi sono dubbi: la dimensione live è il luogo ideale per ascoltare l’energico surf-rock dei Bradipi, e il risultato ripaga senz’altro le attese degli appassionati. Che si possono ascoltare classici inossidabili della band quali Mysterion e Gunsville, le splendide cover della morriconiana Fist Full Of Dollars e della manciniana (che sta per Henry Mancini) A Shot In The Dark, o il garage-surf di Reverb Gang (io avrei aggiunto in scaletta anche la splendida A Night On The Vesuvius).

In generale, c’è un atmosfera surf rock’n’roll d’altri tempi che svolazza dappertutto, tirandosi dietro aria salina e onde alte due metri che si fracassano sul groppone lasciando poco tempo per reagire. E in realtà non v’è ragione alcuna per opporre resistenza: mettete il disco sul piatto e lasciatevi trasportare!

Tracklist:
01 Fistfull of Dollars
02 Wray-Man
03 Carmela
04 Mysterion
05 A shot in the dark
06 Gunsville
07 L’inseguimento
08 Everbody Up + Malaguena + Latin’ia

Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE

Emma Tricca - Aspirin Sun_cover

Emma Tricca – Aspirin Sun

Emma Tricca – Aspirin Sun : «Aspirin Sun» è un disco mattutino: di folk psichedelico mattutino, forse un po’ insonne. È folk cinematografico, se mi passate il termine, ideale colonna sonora di un vecchio film

Deerhoof - Miracle-Level_cover

Deerhoof – Miracle-Level

Tolti i testi, di cui la maggior parte di noi non capirà un acca, la musica è quella dei Deerhoof che abbiamo imparato ad amare, appena appena più pop e diretta di quella fuoriuscita dalle prove precedenti, ma sempre piacevolmente unica e bislacca.

Pamplemousse - Think of It_cover

Pamplemousse – Think of It

Think of It è un disco noise rock in bianco e nero, analogico fin dalla coperta, costruito su fondamenta di accordi in minore, riff fuzzosi che si avvolgono e si svolgono in continuazione come quelli di chi sapete voi, accompagnati da un battito preciso e minimale, che dà un solido contributo a sostenere l’architettura e dare groove alla materia.

Tropical Fuck Storm - Submersive Behaviour_cover

Tropical Fuck Storm – Submersive Behaviour

È qui e richiede attenzione, perché i Tropical Fuck Storm hanno dimostrato più volte di saper far bene, di saper maneggiare il rock (alternativo, indie, noise, quello che volete) meglio di tanti altri – ma direi di quasi tutti.