Tusmørke – Fort Bak Lyset

Tusmørke - Fort Bak Lyset 1 - fanzine

Pubblicato il

Scritto da

Capolavoro tra prog e folk, per questi giganti norvegesi.

Disco davvero illuminante e bellissimo per questi bardi nordici che musicano le storie del folclore della zona di Oslo, soprattutto delle storie che trattano della morte e dei mondi dentro e fuori di noi. Tutto è magnifico in questo disco, innanzitutto un senso pervasivo e fantastico di grande prog, con composizioni curatissime in tutti i dettagli, mai noiose e con un sottobosco folk quasi metal. Tute le canzoni sono suonate e cantate come se fossero favole autosufficienti, che ci conducono nottetempo per stagni, fiumi e tronchi che nascondono altre vite ed altre storie. I Tusmørke hanno imparato moltissimo dalla psichedelia settantiana anatolica, ma hanno rielaborato personalmente il tutto dando vita ad una fantastica miscela. Fort Bak Lyset significa andare dietro alla luce, e la luce dei Tusmørke si fa seguire più che volentieri. Un lavoro straordinario, di un’atmosfera incredibile, dove tutto è bellissimo, e nel quale si può praticare un vero escapismo, cercandovi e trovandovi rifugio dalla pazzia del nostro mondo. In alcuni punti possiamo addirittura sentire odore di funky psichedelico, amazing.
Ennesimo ottimo disco norvegese non black metal, conferma che la Norvegia è una ricchissima terra musicale.

TRACKLIST
1. Ekebergkongen
2. Et Djevelsk Mareritt
3. De Reiser Fra Oss
4. Fort Bak Lyset
5. Spurvehauken
6. Nordmarka
7. Vinterblot

LINE-UP
Benediktator
Krizla
HlewagastiR
The phenomenon Marxo Solinas.
DreymimaðR.

TUSMØRKE – Facebook

1 Comment
  • Alessio
    Posted at 12:13h, 20 Maggio Rispondi

    Concordo, gran bel disco, sopratutto nella versione lp dove c’è davvero una grande e quasi eccessiva qualità costruttiva per un harbook gatefold pesante e massiccio con grammatura del cartone molto oltre la media anche se paragonato alle vecchie stampe usa degli anni 70, atrwork intrigante e significativo che mette ben in chiaro la posizione ideologia della band, le musiche contenute non hanno eccessi ed è questa forse la cosa piu apprezzabile, un semplice progressive folk norvegese che diventa vincente per spontaneità, innocenza e freschezza che non ha bisogno di perdersi in inutili e tediosi virtuosismi.
    Caldamente consigliato.

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.