iye-logo-light-1-250x250
Webzine dal 1999
Cerca
Close this search box.

Recensione : Tiresia Raptus – Diaspora

Un lavoro superbo, che potrebbe appagare non poco chi va costantemente alla ricerca di musica profonda, fuori dagli schemi e capace di emozionare e far riflettere allo stesso tempo.

Tiresia Raptus – Diaspora

I Tiresia Raptus sono un progetto (o meglio setting, come preferiscono autodefinirsi), scaturito della fertile scena underground romana, che vede come motore principale Carlo Gagliardi coadiuvato dal più conosciuto, almeno in in ambito metal, Nicola Rossi, vocalist dei Doomraiser.

Sia per le tematiche trattate sia per l’espressione musicale, Diaspora è in album che si rivolge ad una cerchia di pubblico non necessariamente devota ad un genere piuttosto che un altro; infatti, la materia esoterica di sposa con uno stile di non semplice definizione e, se nelle parti strumentali è preponderante la componente dark-ambient, nei brani cantati da Rossi il tutto si sposta a grandi linee verso un occult rock raffinato e versatile. Proprio quest’ultimo potrebbe costituire l’elemento in grado di avvicinare all’ascolto, in prima battuta, particolarmente gli appassionati di doom, anche se è bene chiarire subito che l’interpretazione del vocalist romano qui è del tutto spogliata della carica animalesca esibita con i primi Doomraiser, privilegiando invece un approccio  evocativo che ne completa l’evoluzione rendendolo, in assoluto, uno dei migliori interpreti dell’intera nostra scena musicale.
I testi profondi, che nei passaggi recitati sono a cura dello stesso Gagliardi , sono parte essenziale per la comprensione e la fruizione dell’intera dell’opera, sposandosi alla perfezione con un tessuto musicale ora avvolgente, ora dai tratti inquietanti, pur rifuggendo la sterile cervelloticità di certe espressioni di stampo sperimentale.
La bellezza di Diaspora sta proprio nel suo coniugare alla perfezione una proposta colta (ma lontana anni luce da certo snobismo intellettuale) con una forma canzone sicuramente non da “easy listening”, ma capace ugualmente di offire brani in grado di restare ben impressi nella memoria, come l’opener Do You Know Who You Are e, soprattutto, il capolavoro Scheletro, emblema dal punto di vista lirico dell’intero lavoro, con i suoi riferimenti vocali al miglior rock tricolore degli anni ’80 incastonati in un gioiello musicale di rara profondità in cui Nicola Rossi sfodera una prova davvero intensa.
La stessa Fragili Ossa è un ossessivo brano dai tratti psichedelici in cui i musicisti (non vanno dimenticati per alcun motivo gli altri tre protagonisti, Nico Irace, Francesco Campus e Giancarlo Lustri) forniscono un’altra prova maiuscola “costringendo” Rossi ad inventare una linea vocale melodica su un tappeto sonoro a tratti dissonante.
Il psychedelic prog sperimentale della title-track chiude un lavoro superbo, che potrebbe appagare non poco chi va costantemente alla ricerca di musica profonda, fuori dagli schemi e capace di emozionare e far riflettere allo stesso tempo.
C’è da augurarsi solo che Diaspora non passi sotto silenzio oppure che resti confinato ad un numero limitato di estimatori, proprio per il suo non essere rivolto ad una cerchia specifica di appassionati: qui siamo su livelli di assoluta eccellenza, senza dimenticare che l’operato dei Tiresia Raptus deve essere necessariamente valutato in un ambito ben più ampio di quello prettamente musicale.

Tracklist:
1.Do you know who you are
2.Vattienti
3.Angel
4.Scheletro
5.Emotions in black
6.Tutto dorme
7.Fragili ossa
8.Diaspora

Line-up:
Carlo Gagliardi – bass, organ and narrations
Nicola Rossi – vocals, synthesizer, keybords, xylophone, tibetan bells, percussions
Nico Irace – organ,bass and narrations
Francesco Campus – guitars
Giancarlo Lustri – drums

TIRESIA RAPTUS – Facebook

Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE

Silent Vigil – Hope and Despair

Se in passato il sound traeva principalmente linfa dall’insegnamento dei Daylight Dies, tutto sommato Hope and Despair è un album che si muove in continuità con quello stile, che qui viene ulteriormente ribadito dando alla fine l’auspicato seguito, sia pure con il nuovo moniker Silent Vigil, alla brusca archiviazione degli Woccon avvenuta dieci anni fa.

Celestial Season – Mysterium III

La terza parte di Mysterium si muove stilisticamente in continuità rispetto a quanto fatto nella prima metà degli anni novanta ma senza che questo assuma un sentore di stantio, con l’adesione genuina a quegli storici stilemi che diviene il punto di forza nell’operato dei Celestial Season di questo decennio.

Ruststained – Years in Vain

L’operato dei Ruststained non appare affatto didascalico anche perché traspare ad ogni nota una genuinità e una passione che sono lontani anni luce da ogni forma di plastificazione musicale.