iye-logo-light-1-250x250
Webzine dal 1999
Cerca
Close this search box.

Recensione : Svalbard – One Day All This Will End

Il loro suono è molto emotivo ed emozionale, e si può anche interpretare come una fortunata evoluzione dell'emo, tenendo sempre in gran considerazione la melodia

Svalbard – One Day All This Will End

Gruppo inglese attivo dal 2011 che ben interpreta uno spirito musicale che sta venendo allo scoperto in questi ultimi anni, ovvero un certo tipo di suono che accomuna post rock, screamo, tirate black metal e sfumature quasi ambient, il tutto con un retroterra hardcore.

Detta così è molto difficile ma se ascolterete gli Svalbard vi sembrerà tutto molto più semplice e piacevole di come l’ho descritto.
In pratica questo è il loro esordio sulla lunga distanza, dato che la loro prima apparizione è su di uno split con i Pariso, e che dopo hanno pubblicato una retrospettiva sulla loro produzione dal 2012 al 2014. Il loro suono è molto emotivo ed emozionale, e si può anche interpretare come una fortunata evoluzione dell’emo, tenendo sempre in gran considerazione la melodia. E proprio quest’ultima è la grande protagonista di One Day All This Will End, che è un disco che non lascia indifferenti, anche se vi si può trovare una minima dose di piaggeria, perché la disperazione è certamente un’altra cosa.
Il giudizio sui Svalbard non può che essere positivo, e possiamo lasciarci cullare nelle nostre nevrosi da questo suono che ci racconta il dolore per qualcosa che abbiamo perduto.

TRACKLIST
1.Perspective
2.Disparity
3.The Vanishing Point
4.Expect Equal Respect
5.Unrequited
6.The Damage Done
7.Unnatural Light
8.Lily

SVALBARD – Facebook

Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE

Intervista Tarantola

Intervista con Mauro Locandia fondatore dei Tarantola, reggae in combination Londra e Salento, con il singolo “Original terron” scirtto e prodotto a quattro mani con Sabaman.

Tiziano Popoli – Selinute

Lavoro notevole, un blues enorme e totale, un viaggio su asfalto, sangue e polvere. Trasposizione sonora della performance video, musicale e in danza firmata da Tiziano Popoli per la musica e per il resto dal pittore e disegnatore fetish Roberto Baldazzini andata in scena nell’ottobre