Porridge Radio – Every Bad

Radio Porridge

Porridge Radio – Every Bad

PORRIDGE RADIODopo tre singoli sparsi per tutto il 2019, ecco arrivare il secondo album della band di Dana Margolin, che da Brighton ci regala uno dei migliori dischi dall’inizio dell’anno.

Basta la prima, stupenda, “Born confused”, per capire che i Porridge Radio hanno radici profonde nel post-punk, come i brani successivi (“Sweet” e “Long” tra gli altri) ben dimostrano.

A tratti sembra di ascoltare la voce intensa e ricca di pathos di Robert Smith (“Circling”), altrove il basso di Maddie Ryall introduce e sottolinea la bellissima “Give/Take” che pare uscita da un disco dei Pixies.
I testi, volutamente ripetitivi e caratterizzati da tematiche post-adolescenziali, lasciano il segno e si fissano nella mente di cui ascolta come fossero slogan.

La chitarra spazia da liquide armonie (ancora “Circling” e “Nephews”) a un rumorismo a tratti che non abbandona però la melodia (Don’t ask me twice”); la sensazione generale è davvero, come canta in “Pop song” la Margolin, di sentire le onde che si infrangono ritmicamente a riva (il mare è ben presente nelle liriche di “Every bad”).
Superato il fai da te del primo disco, con una produzione più robusta, i Porridge Radio dimostrano idee chiare e di essere una sicura promessa per il futuro.
Dana Margolin, con la sua voce affascinante, ha il carisma per diventare una protagonista della scena musicale.

Let THE WAVES KEEP ROLLING IN!

Porridge Radio

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

On Key

Related Posts

Memoriam – Rise to power

Atteso ritorno dei Memoriam, il gruppo death metal fondato dal cantante Karl Willetts ex dei Bolt Thrower  da Frank Healy bassista dei Benediction ed ex chitarrista dei Napalm Death, insomma la crema del death metal, coadiuvati molto bene da Scott Fairfax alle chitarre e Spike T. Smith alla batteria.

Cosa resta del duemilaventidue

  Un altro anno se n’è andato, portandosi dietro le scorie di dodici mesi costantemente vissuti al di sotto delle nostre possibilità, castrati da un contesto sociale che non riusciamo a modificare in alcun modo. I sogni anche per questa volta sono rimasti tali, immutati

Tropical Fuck Storm - Submersive Behaviour_cover

Tropical Fuck Storm – Submersive Behaviour

È qui e richiede attenzione, perché i Tropical Fuck Storm hanno dimostrato più volte di saper far bene, di saper maneggiare il rock (alternativo, indie, noise, quello che volete) meglio di tanti altri – ma direi di quasi tutti.

Luca Ottonelli

Luca Ottonelli. E’ nato a Genova nel 1969 e ho completato i primi studi artistici avendo come maestro di Figura G. Fasce.