iye-logo-light-1-250x250
Webzine dal 1999
Cerca
Close this search box.

Recensione : Mother Mountain – From Dust To Ashes

I Mother Mountain si rivelano un grande gruppo capace di pubblicare un album d’esordio da ascoltare senza dubbio alcuno.

Mother Mountain – From Dust To Ashes

I tedeschi Mother Mountain si autoproducono questo buon esordio dal titolo From dust to ashes , un’ora circa di doom metal che tende allo stoner e bel monolite pregno di musica del destino influenzato da Saint Vitus, Orange Goblin, primi Trouble, Count Raven, i padri Black Sabbath, e fortemente devoto al credo settantiano.

La band bavarese, formatasi nel 2012, confeziona un prodotto dove la fanno da padroni i riff, rocciosi, stracolmi di groove, splendidi nel richiamare atmosfere che in molti casi si fanno epiche, accompagnate dalla voce pulita e squillante di Pablo, capace di evocare i migliori cantanti che hanno fatto la storia del genere.
L’album non ha cali e trova il suo picco nel terzetto centrale composto da I Genesis: A Faithful Breath, II Wrath: A Space Temple, III Parting: A Farewell in Regret, di fatto una lunga suite (piu’ di mezzora complessiva) di musica evocativa nella migliore tradizione doom/stoner, sorretta da riff pesanti come incudini, mai troppo lenti, ma dall’effetto assicurato, bilanciati da un flavour settantiano e scanditi dall’ottima interpretazione del vocalist.
Cresce quest’album ad ogni ascolto e, sono sicuro, piacerà sia ai doomster incalliti sia agli amanti dell’epic proprio per una drammaticità di fondo ed un’atmosfera evocativa propria del genere.
Il lavoro inizia la sua inesorabile discesa verso la conclusione con altri due brani stupendi, l’intensa Earth, strumentale dai richiami pinkfloydiani, e The Last March of the Mammoth, dal forte impatto metallico, mastodontico brano che dà l’impressione d’essere veramente al cospetto di un branco di giganteschi animali in viaggio verso il luogo della loro inesorabile estinzione.
Produzione corposa e musicisti affiatati fanno di quest’album un must nel genere proposto: i Mother Mountain si rivelano un grande gruppo capace di pubblicare un album d’esordio da ascoltare senza dubbio alcuno.

Tracklist:
1. Defiling the Truth
2. Materialized
3. I Genesis: A Faithful Breath
4. II Wrath: A Space Temple
5. III Parting: A Farewell In Regret
6. Earth
7. Last March of the Mammoth

Line-up:
Nick – Bass
Tobias – Drums
Paul – Guitars
Pablo – Vocals

MOTHER MOUNTAIN – Facebook

Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE

Kensington – Control

La band capitanata da Casper Starreveld ha creato un album che ha il destino già scritto prima di arrivare all’orecchio dei fans, una raccolta di canzoni pregna di atmosfere melanconicamente melodiche, con più di un riferimento al rock alternativo degli ultimi vent’anni, molto britannico concettualmente, ma assolutamente già sentito sui canali e radio specializzate in musica e cultura indie.

The Pier – The Pier

Per gli amanti del genere un album da ascoltare a più riprese, ed una band da seguire visto l’enorme potenziale artistico.

Somnium Nox – Apocrypha

Con coraggio e personalità i due musicisti australiani incorporano in un’unica opera quella che è stata l’evoluzione del genere dagli ormai lontani primi anni novanta