La Piena – “nel Buio” 2022, Spaccio Dischi

La Piena – “nel Buio” 2022, Spaccio Dischi



Cammino per strade di periferia e penso a come rendere giustizia, tramite pensieri e parole nero su bianco, ad un disco praticamente perfetto:

cesellato con cura, arrangiato con un’esperienza (da non darsi per scontata se si pensa che i La Piena sono alla loro prima prova sulla lunga), animato da uno spirito di sincera ed onesta avversione verso l’esistente:

schegge impazzite da un minuto e rotti secondi, parole che feriscono, pensieri che, in un esercizio di estrema empatia, mi lacerano profondamente e ancora più lo fanno adesso che cammino per strade di periferia:

un posto che un tempo era mio e che adesso è svilito tra recinzioni intorno a parchi pubblici e frontespizi mascherati dietro impalcature fortemente volute dal Bonus-Casa:

non mi riconosco in questo posto, non è il posto dove sono nato

“Scappa via di qua” cantano i La Piena in “Squali”. Ottimo suggerimento.

“Chissà se anche i La Piena, nel loro quotidiano, camminano come me per strade di periferia e, sempre come me, non riconoscono più i luoghi dove sono cresciuti.

I luoghi che li hanno visti evolversi da comuni esseri umani, predestinati ad una vita casa-lavoro-riposo-casa-lavoro-riposo-pensione-sepoltura, a punk consapevoli, politici, senza compromessi?”

Me lo chiedo proprio perché questo disco mi pare proprio fatto di strada, consapevolezza, senso di appartenenza e cattiveria (cattiveria di quella sana, quella che spinge verso il cambiamento, verso l’evoluzione):

16 perle e nemmeno mezza fuori posto, in un disco perfettamente in bilico tra Hardcore all’italiana, affondi Grind e aperture Oi!, un’opera che, nella sua volontà di rappresentare un mondo perso e distrutto, è una sfera senza difetti, forgiata con cura del minimo dettaglio.

L’attacco è micidiale: Respiro, Amici Scordati, Uomo in Mare, Condannato e la stupenda Squali sono 5 pugni in faccia al fulmicotone, dotati di ritornelli indimenticabili e che sbatterebbero al tappeto anche l’orecchio più allenato.

A poco servono le soluzioni melodiche di Nella Testa, nel suo linguaggio a metà strada tra l’hardcore New Yorkese e i cori Oi! di Nabat e Klasse Kriminale, la tensione e l’aggressività sono sempre palpabili e stringenti.

Difatti si riattacca alla grande con False Pretese e L’attesa, Masticato: astio, pericolo, alto rischio di ripercussioni psicologiche…

Working Class, in perfetto Nomen Omen, è un inno Oi! bellissimo, degno dei migliori numeri di questo (sottogenere).

Si sentono rumori di bicchieri, un chiacchiericcio da osteria e, difatti, è subito rissa: Tormenta riassesta tutto su violenza, attacco, tensione e sfogo. La Mia Scelta è un bell’hardcore antemico incorniciato da dei riff di chitarra veramente indimenticabili: come l’idea di un Oi! alla Erode, quel punk rock tecnico, aggressivo ma melodico, di impatto ma ben studiato.

Debito Pagato è un Grind da manifestazione contro l’ennesimo sopruso dello stato (che non siamo noi, ma un’elite che si avvale della delega a mezzo voto per portare avanti gli interessi di chiunque, eccezione per chi, quella delega, gli ha dato) e carica degli sbirri a concludere: a questo giro il morto non è tra i manifestanti ma tra i celerini. Il debito è pagato davvero.

Le fughe scellerate di Spirito Stremato si schiantano contro muri di silenzio borghese: un pezzo veramente di Hardcore Punk con la H, la C e la P maiuscole, una vera reazione al quietismo borghese di quartieri spenti nel silenzio soffocante di un perbenismo accidioso: un urlo, uno sfogo che lacera il velo di falsi valori e certezze preconfezionate.

Prima Pensa è, dopo tanta denuncia, il gesto propositivo, la spinta, a ritmo HC, verso qualcosa di diverso, di comune: migliorarsi per migliorare gli altri.

Mi pare un bel gesto, e mi pare ancora più bello che si riesca a farlo in un pezzo così breve:

a volte basta veramente poco per motivare gli altri e incoraggiarli, distoglierli dalla logorante routine di tutti i giorni e farli riconoscere in qualcosa di vero e di migliore.

Sembra passato un secondo quando Nel Buio attacca, coi suoi giochi tra Street-Oi-Punk, Hardcore Punk e Grind (brano posto in chiusura e che riassume in sé l’intero svolgimento stilistico dell’Album), eppure siamo già al sedicesimo pezzo; in questo percorso si impara, si cresce, si matura tanto quanto i La Piena hanno imparato, sono cresciuti e sono maturati nel comporlo (di questo ne sono certo).

Un disco uscito mesi fa, quando ancora eravamo nel 2021, e che ho amato dal primo momento ma, per una serie di infelici coincidenze e drammatici rimandi, non son mai riuscito a render noti i miei entusiasmi;

l’uscita della versione in musicassetta, ad opera di Spaccio Dischi (https://www.facebook.com/SpaccioDischi/ ) , mi spinge finalmente a farlo!

Comprate, ascoltate ed amate questo disco; se lo merita ampiamente.



La Piena – “Nel Buio” 2022, Spaccio Dischi

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

On Key

Related Posts

Memoriam – Rise to power

Atteso ritorno dei Memoriam, il gruppo death metal fondato dal cantante Karl Willetts ex dei Bolt Thrower  da Frank Healy bassista dei Benediction ed ex chitarrista dei Napalm Death, insomma la crema del death metal, coadiuvati molto bene da Scott Fairfax alle chitarre e Spike T. Smith alla batteria.

Cosa resta del duemilaventidue

  Un altro anno se n’è andato, portandosi dietro le scorie di dodici mesi costantemente vissuti al di sotto delle nostre possibilità, castrati da un contesto sociale che non riusciamo a modificare in alcun modo. I sogni anche per questa volta sono rimasti tali, immutati

Tropical Fuck Storm - Submersive Behaviour_cover

Tropical Fuck Storm – Submersive Behaviour

È qui e richiede attenzione, perché i Tropical Fuck Storm hanno dimostrato più volte di saper far bene, di saper maneggiare il rock (alternativo, indie, noise, quello che volete) meglio di tanti altri – ma direi di quasi tutti.

Luca Ottonelli

Luca Ottonelli. E’ nato a Genova nel 1969 e ho completato i primi studi artistici avendo come maestro di Figura G. Fasce.