iye-logo-light-1-250x250
Webzine dal 1999
Cerca
Close this search box.

Recensione : La Metralli – Qualche Grammo Di Gravità

Il curriculum dei La Metralli (Meike Clarelli, Matteo Colombini, Davide Fasulo, Serena Fasulo, Cesare Martinelli, Marcella Menozzi) è bello lungo nonostante i relativamente pochi anni di attività: un disco e un ep già pubblicati, un Premio Ciampi vinto, la partecipazione con un brano alla serie televisiva americana “Missing” e molto altro. Ora, a due anni dal debutto, ritornano con i quindici brani di Qualche Grammo Di Gravità, disco dal percorso circolare, caratterizzato da raffinate sonorità pop/jazz/folk.

La Metralli – Qualche Grammo Di Gravità

Il breve e poetico scivolare di Levante, introduce il vivace e ritmato ondeggiare (tra chitarre delicate e spigliate) della più contenuta In Tre Passi e della più briosa ed eccentrica Ruggine E Carie. Su note di pianoforte, prende vita il leggero e carezzevole scorrere di Piovevo, lasciando che a proseguire siano le chitarre elettriche della decisa 36 Gradi e il lento avvolgere della fragile e sensibile Sognando Senza Denti.
Cantico Dei Viaggiatori, esplodendo di energia e passione, travolge con le sue elaborate strutture sonore, mentre Cesarina L’Incendiaria perdendosi in piccoli labirinti di pianoforte, cede spazio al coinvolgente complicarsi di Maestrale e all’emotivo muoversi della malinconica La Quinta Stagione.
La Sciancata, contrapponendosi totalmente al precedente brano, procede rapida e incalzante fino alle rive psichedeliche della spirituale e crescente Merìdies, aprendo al dolce accogliere di Per Ogni Respiro e al camminare trascinato di Senza Formula.
Ponente, infine, con il suo animo fantasmatico e sofferto, chiude il disco.

Con questo secondo lavoro i La Metralli confermano, senza ombra di dubbio, di essere una band decisamente creativa e competente. Commettono, però, un errore: proponendo quindici brani, ampliano troppo il minutaggio e rendono difficile il mantenimento dell’attenzione nella parte conclusiva. Consigliando di lavorare maggiormente sull’essere coincisi, rimettiamo da capo questa piacevole serie di raffinate perle pop/jazz/folk.

Tracklist:
01. Levante
02. In Tre Passi
03. Ruggine E Carie
04. Piovevo
05. 36 Gradi
06. Sognando Senza Denti
07. Cantico Dei Viaggiatori
08. Cesarina L’Incendiaria
09. Maestrale
10. La Quinta Stagione
11. La Sciancata
12. Merìdies
13. Per Ogni Respiro
14. Senza Formula
15. Ponente

Line-up:
Meike Clarelli
Matteo Colombini
Davide Fasulo
Serena Fasulo
Cesare Martinelli
Marcella Menozzi

LA METRALLI – Facebook

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE

Liede – Stare Bravi

L’intero disco, escluso qualche piccolo momento di fiacca, si fa notare per la buona qualità complessiva e per la presenza di almeno un paio di fiori all’occhiello

Phidge – Paris

Un disco per nostalgici, forse, ma di quelli ben fatti e in grado di mantenere una propria personalità

Psiker – Maximo

Con questi dieci brani, Psiker costruisce un ampio e personale tributo all’elettro pop italiano di fine anni ’90