In My Shiver – Delicate Poison

In My Shiver – Delicate Poison

Con il loro secondo album i marchigiani In My Shiver si ripropongono al pubblico metal con un’opera di non semplicissima decrittazione.

Delicate Poison è in effetti il titolo ideale per un lavoro che passa con grande disinvoltura e buona fluidità da sonorità più suadenti, che vanno a lambire il post metal, a sfuriate in blast beat che comunque non risultano mai fine a se stesse, restando saldamente ancorate ad una struttura melodica portante.
Affiorano talvolta momenti riconducibili a certo depressive, ovviamente non quello dai toni esasperati bensì la sua versione più edulcorata e darkeggiante e non mancano neppure passaggi che, invece, riportano a un black avanguardista ed atmosferico con aperture melodiche facenti capo agli ultimi Katatonia (come nell’opener Closed View).
La ricerca di una costante progressione all’interno dei singoli brani, se da un lato deve essere applaudita a prescindere, d’altro canto rende talvolta la proposta troppo frammentaria; lo stesso ricorso alle clean vocals mostra in più di un’occasione la corda, in quanto non sempre all’altezza della prestazione strumentale.
Meglio, allora, quando il suono si fa parzialmente più diretto, con diversi richiami ai Forgotten Tomb (Liquid Hour) e maggiormente ammantato di una sua affascinante patina oscura (Into the Gray Line)
Delicate Poison è un disco ampiamente sufficiente ma che potrebbe aspirare all’eccellenza se fosse solo maggiormente organico e orientato in maniera più decisa allo sviluppo dei brillanti spunti che vengono esibiti; un brano come Empty Wealth si rivela emblematico riguardo all’attitudine del trio marchigiano, che alterna momenti davvero ottimi, in particolare quelli più black-oriented, a qualche fase interlocutoria di troppo.
La stessa cover di Lullaby dei Cure, posta in chiusura dell’album come bonus track nella sua versione in download, si discosta lodevolmente dalla versione originale così da non apparirne una semplice rilettura didascalica, e per certi versi è la riprova di un modus compositivo senz’altro non banale ma che, anche in questo caso specifico, pare quasi eccessivo nella sua ostinata ricerca di un approccio non convenzionale.
Pur non abbandonando la versatilità messa in mostra in questo lavoro, una svolta più decisa a favore di uno specifico indirizzo stilistico, preferibilmente quello dai toni più oscuri e diretti, potrebbe consentire ai comunque bravi In My Shiver di compiere il definitivo salto di qualità.

Tracklist:
1. Closed View
2. False
3. Liquid Hour
4. Into the Gray Line
5. Drain
6. Empty Wealth
7. Lullaby (bonus track)

Line-up:
Lux Occulta – Bass
Mkh979 – Drum programming, Guitars, Vocals
Asha – Guitars

IN MY SHIVER – Facebook

Stefano Cavanna
[email protected]

Cresciuto per motivi anagrafici a pane e prog, a differenza di molti miei coetanei non passo il tempo a piagnucolare sostenendo "cosa vuoi sentire ora, quello che viene pubblicato ai giorni nostri è tutta spazzatura" ... Invecchiando ho allargato invece i miei orizzonti musicali e oggi sono essenzialmente un appassionato patologico di funeral/death doom, oltre che ascoltatore compulsivo di metal in ogni sua svariata forma, senza per questo disconoscere (ci mancherebbe altro) tutta la grande musica prodotta negli anni '70.

No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.