Hell’s Domain – Hell’s Domain

Hell’s Domain – Hell’s Domain

Dopo diversi anni di attività i danesi Hell’s Domain giungono al full-length d’esordio rivelandosi come una delle sorprese più piacevoli degli ultimi tempi.

Dopo diversi anni di attività i danesi Hell’s Domain giungono al full-length d’esordio rivelandosi come una delle sorprese più piacevoli degli ultimi tempi.

Perché sorpresa, potrà obiettare qualcuno, visto che i nostri propongono un thrash metal sicuramente tradizionale, con tanto di copertina designata dall’onnipresente Ed Repka?
Beh, la differenza rispetto alle numerose uscite, spesso comunque di ottimo livello, che stanno contribuendo a riportare prepotentemente alla ribalta questo genere, risiede in un songrwiting più versatile, che si svincola parzialmente dai dettami di un’aggressività tout-cort, non disdegnando passaggi caratterizzati da linee melodiche ben definite.
Aiuta molto, in questo senso, l’approccio vocale del bravo Alex Clausen, il quale, invece di limitarsi a ringhiare con veemenza nel microfono, prova con successo a utilizzare diversi registri vocali, coadiuvato alla perfezione dagli altri quattro musicisti.
Suonare un genere per il quale probabilmente tutto è già stato fatto e detto riuscendo ugualmente a risultare freschi e terribilmente coinvolgenti: questo è ciò che riesce al quintetto nordeuropeo regalandoci cinquanta minuti del migliore thrash che è possibile ascoltare ai giorni nostri .
Crawling In The Shadows è il brano che sintetizza nel migliore dei modi le qualità del disco: un’introduzione fatta di delicati arpeggi acustici diviene man mano più solenne per poi virare in un brano degno migliori Testament.
Ma è tutto il resto di Hell’s Domain che non mostra attimi di cedimento, respingendo con forza ogni traccia di noia o di assuefazione che possa tentare di insinuarsi durante l’ascolto; ritmi in grado provocare un headbanging furioso, ma anche aperture melodiche in grado di rendere ben memorizzabili quasi tutti i brani, alla fine rendono questo eccellente lavoro un must assoluto per gli appassionati di thrash.

Tracklist:
01. 100 Days in Hell
02. The Needle and the Vein
03. In the Trenches…
04. Order #227
05. The Walls Come Tumblin’ Down
06. Crawling in the Shadows
07. Dead Civilization
08. Hangman’s Fracture
09. As Good as Dead
10. A Good Day to Die
11. Sneaking Disease

Line-up :
Alex Clausen – Vocals
Anders Gyldenøhr – Drums
Lars Knudsen – Bass
Andreas Schubert – Guitar
Bjørn Bihlet – Guitar

HELL’S DOMAIN – Facebook

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

On Key

Related Posts

GIALLO #3 E BUDDIES #1

GIALLO #3 E BUDDIES #1

Qualche giorno fa arriva un pacco bel fornito  dalla Leviatan Labs. Conteneva il terzo capitolo di Giallo il primo capitolo di Buddies..

E’ morto Wilko Johnson

In questi ultimi sprazzi di 2022 siamo purtroppo costretti a registrare un’altra illustre dipartita nel mondo del rock ‘n’ roll. Ci ha lasciati infatti, il 21 novembre, anche Wilko Johnson, chitarrista, cantante e songwriter inglese noto per aver fondato la blues rock/r&b/pub rock band Dr.