iye-logo-light-1-250x250
Webzine dal 1999
Cerca
Close this search box.

Recensione : Germ – Escape

Il post metal/shoegaze, intriso di una robusta componente depressive black, offerto da Germ è decisamente ben eseguito, intenso e dal notevole gusto melodico

Germ – Escape

Frutto del lavoro solitario del musicista australiano Tim Yatras, Germ è un interessante progetto giunto al suo terzo full-length in quattro anni.

Il post metal/shoegaze, intriso di una robusta componente depressive black, offerto con questo Escape è decisamente ben eseguito, intenso e dal notevole gusto melodico, risultando così appetibile per chi apprezza i primi Alcest e, tanto per restare sul continente oceanico, un’altra grande one man band come gli Woods Of Desolation, ai quali il nostro ha prestato la propria arte in occasione dell’album Torn Beyond Reason.
Dopo l’intro, come da prammatica, la title track si rivela un ottimo esempio di depressive contraddistinto da una melodia dolente sporcata da uno screaming straziante, mentre la successiva I’ll Give Myself to the Wind aumenta leggermente i ritmi aprendosi verso armonie più ariose, prima che la alcestiana Under Crimson Skies confermi la buona predisposizione di Tim a creare brani solidi e coinvolgenti dal punto di vista emotivo.
The Old Dead Tree, dai rimarchevoli picchi malinconici, e la magnifica With the Death of a Blossoming Flower racchiudono invece le diverse anime che vanno a comporre il mosaico musicale di Germ, prima che la levità shoegaze di Closer metta la parola fine ad un lavoro di notevole spessore.
Ma, del resto, quando ci si imbatte in dischi targati Prophecy, indipendentemente dal genere proposto o dalla provenienza geografica degli artisti coinvolti, resta solo da chiudere gli occhi e lasciarsi trasportare da una delle tante espressioni di un roster dal livello qualitativo unico.

Tracklist:
1. I
2. Escape
3. I’ll Give Myself to the Wind
4. Under Crimson Skies
5. V
6. The Old Dead Tree
7. With the Death of a Blossoming Flower
8. Closer

Line-up:
Germ – All Instruments, Vocals

GERM – Facebook

Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE

Noctu – Super Illius Specula

Super Illius Specula è probabilmente il punto più alto raggiunto finora da un musicista come Noctu, in grado di offrire oggi un doom estremo tra i più avvincenti e, allo stesso tempo, meno scontati in ambito nazionale.

Angmodnes – Rot of the Soul

Rot of the Soul è un album che conferma le qualità mostrate negli ultimi anni da parte degli Angmodnes, trattandosi di un lavoro di grande consistenza e molto curato nella sua resa sonora nonché un’esibizione di spiccata creatività compositiva, sintomatica del desiderio da parte della band olandese di non appiattire il proprio sound sulle posizioni già acquisite.

Post Luctum – Seasons Greavings

Se dal punto di vista musicale l’ep risulta davvero efficace e vario, avvicinandosi in certi frangenti ai mai abbastanza lodati Daylight Dies, fondamentalmente appare più ritmato e incalzante rispetto ai quanto offerto dai Post Luctum nei due ottimi full length realizzati in precedenza.