iye-logo-light-1-250x250
Webzine dal 1999
Cerca
Close this search box.

Recensione : Darkher – Realms

Da ascoltare senza farsi distrarre dalle cose terrene, lasciandosi attraversare da un'onda sonora che, come una marea, al suo ritrarsi lascia, quale segno tangibile del suo passaggio, una calma incrinata da un immanente senso di inquietudine.

Darkher – Realms

Poco meno di due anni fa scrivevo, riguardo all’ep The Kingdom Field: Darkher è come un veleno che viene assimilato in piccole dosi ad ogni passaggio nel lettore finché, raggiunta la dose massima tollerabile dal nostro organismo, ci paralizzerà definitivamente rendendoci schiavi devoti per l’eternità di questa splendida artista.

Ed ecco arrivato il momento di assumere la dose presumibilmente fatale, visto che Realms, a differenza del suo predecessore, è un full-length che consente di godere di tre quarti d’ora di musica composta ed interpretata da quella meravigliosa creatura che risponde al nome di Jayn Hanna Wissenberg.
Accompagnata dal marito Martin (chitarra e basso) e dall’ex Anathema e My Dying Bride Shaun Taylor-Steels (percussioni), la cantante inglese torna ad insinuare nel nostro animo la propria voce, sussurrandoci le proprie visioni ultraterrene, deformate atrraverso una lente in cui è preponderante una sciamanica spiritualità.
Nonostante in questo lavoro vi siano almeno due brani (Wars e la già conosciuta Foregone) nei quali una parvenza ritmica pare scuotere la musica della Wissenberg, quasi come un vento repentino ed impetuoso fa con le estreme fronde degli alberi, a colpire mortalmente sono le canzoni più rarefatte, quelle dove la voce si fa respiro riuscendo dove fallirono le sirene con Ulisse e gli Argonauti, assoggettandoci al suo canto senza remissione alcuna.
Da ascoltare senza farsi distrarre dalle cose terrene, lasciandosi attraversare da un’onda sonora che, come una marea, al suo ritrarsi lascia, quale segno tangibile del suo passaggio, una calma incrinata da un immanente senso di inquietudine.

Tracklist:
1.Spirit Waker
2.Hollow Veil
3.Moths
4.Wars
5.The Dawn Brings A Saviour
6.Buried Pt. I
7.Buried Pt. II
8.Foregone
9.Lament

Line-up:
Jayn H. Wissenberg
Martin Wissenberg
Shaun Taylor-Steels

DARKHER – Facebook

Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE

Orphean Passage – Apart

La bravura degli Orphean Passage risiede nel fare propria la lezione di chi ha codificato a suo tempo il death doom melodico per poi assemblarne i diversi stili, regalando un album come Apart struggente, melodico e, allo stesso tempo, fresco come si conviene a una band al primo passo discografico

Blazing Eternity – A Certain End of Everything

Un eccellente album come A Certain End of Everything può sorprendere solo chi non conosce i Blazing Eternity a causa del loro lungo silenzio discografico, perché sulle doti intrinseche di questa band non ci sono mai stati soverchi dubbi.

Forever Falling – The Determinism of Essence in Matter

The Determinism of Essence in Matter, nonostante i riferimenti filosofici del titolo siano suggestivi di una certa profondità concettuale, è un lavoro che penetra con un certo agio le difese dell’ascoltatore grazie a un approccio sincero, fluido e privo di artifici al funeral death doom da parte dei Forever Falling.