iye-logo-light-1-250x250
Webzine dal 1999
Cerca
Close this search box.

Recensione : Cripta Blue – Cripta Blue

Disco di debutto per questo power trio italiano, un concentrato molto potente di doom, stoner e suoni che ci riportano ad atmosfere anni settanta. I Cripta Blue.....

Cripta Blue

Cripta Blue – Cripta Blue

Disco di debutto per questo power trio italiano, un concentrato molto potente di doom, stoner e suoni che ci riportano ad atmosfere anni settanta. I Cripta Blue non scoprono nulla di nuovo e si muovono in un panorama molto inflazionato, ma con il disco omonimo dimostrano di avere molto di più dalla loro rispetto ai gruppi medi di questo genere. La loro musica è composta da pochi e semplici elementi, basso, chitarra, batteria e voce.

Con questi fattori i Cripta Blue costruiscono un’impalcatura sonora fatta di proto doom, doom anni ottanta e stoner, con una grossa attenzione alla psychedelia che è poi l’approdo naturale, o il punto di partenza se si preferisce, di questi generi. Si viaggia per tutto il disco, sotto la sapiente regia di Andrea Giuliani che canta e suona il basso, ed è il valore aggiunto del gruppo. I tre musicisti provengono da esperienze differenti in gruppi come i Desert Wizard, Rising Dark e Talisman Stone.

I differenti retroterra musicali diventano qui ricchezza e varietà, forza e organicità. Ogni pezzo è un viaggio differente, prodotto nella maniera giusta e con un gusto antico, quando l’analogico scaldava i nastri e le vite. Certamente i riferimenti più importanti sono quegli che si rifanno agli anni settanta, a quella controcultura rumorosa e vicina alla magick crowleyana che tanto ha dato alla musica.

Un gran bel debutto per un terzetto che spazia molto.

Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE