iye-logo-light-1-250x250
Webzine dal 1999
Cerca
Close this search box.

Recensione : Cosmetic – Normoretato

"Normoretato" è figlio di un momento magico, e fotografa benissimo i Cosmetic in quel momento, rendendo al disco la sua funzione di collettore di sensazioni temporanee che trasposte su disco diventano eterne e, nel caso dei Cosmetic, dolcemente eteree.

Cosmetic – Normoretato

Quarto disco per questo ensemble romagnolo e terzo edito da La Tempesta.
Registrato in analogico su nastro in quattro giorni da Claudio Cavallaro all’Ufficio di Coriano nel maggio 2014, il disco è figlio dell’immediatezza e delle sensazioni di quei quattro giorni.

Il metodo di chiudersi in un posto e registrare il disco in un breve periodo di tempo è una scelta che paga, soprattutto se il gruppo ha solide radici ed idee chiare, proprio come i Cosmetic: il loro suono è sempre stato onirico, distorto e indieggiante, e con questo disco esplorano maggiormente il loro lato anni settanta.
I Cosmetic sono un grande gruppo che libera nell’aria un piacevolissimo pop psichedelico e distorto, non vicino allo shoegaze poiché non vi è riverbero, in un modo molto originale ed unico: la loro musica è fatto di piccole grandi sensazioni, di un sentire semplice e fantastico, piccoli movimenti e dolci tentazioni soniche.
Il diverso approccio adottato per questo disco li ha resi più liberi ed ispirati, non essendone stato scritto a tavolino il canovaccio.
Si sente molto la mano di Claudio Cavallaro, chitarrista cantante e mente dei Granturismo, che ha portato molto della sua conoscenza degli anni settanta nella musica dei Cosmetic.
Il cantato in italiano è un punto a favore dei Cosmetic, dato che la metrica  è molto adatta alla loro sognante musica.
Normoretato è figlio di un momento magico, e fotografa benissimo la band in quel momento, rendendo al disco la sua funzione di collettore di sensazioni temporanee che trasposte su disco diventano eterne e, nel caso dei Cosmetic, dolcemente eteree.
Dal 2007, anno della loro fondazione, i Cosmetic hanno fatto molta strada migliorandosi costantemente e fortemente, abbandonatevi quindi a questa dolcezza, a questa lasciva inquietudine, come dopo una sigaretta, che ci riporta indietro al magico periodo dei primi novanta.

Tracklist:
1. Venue
2. Crediti
3. Occhi Gialli Sull’Isola del Mondo
4. Nelle Mani Giuste
5. Stanza Del Figlio
6. Nomoretato
7. Non Ritornerò
8. Continuum
9. Voragini ( Sotto I Nostri Piedi Sicuri )
10. Rocapina
11. Bordonero
12. Reprise

Line-up:
Bart – Voce, Chitarra, Synth, Arpa, Cembalo.
Mone – Batteria
Emily – Basso
Ivan – Chitarra, Voce, Synth.

COSMETIC – Facebook

Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE

Intervista Tarantola

Intervista con Mauro Locandia fondatore dei Tarantola, reggae in combination Londra e Salento, con il singolo “Original terron” scirtto e prodotto a quattro mani con Sabaman.

Tiziano Popoli – Selinute

Lavoro notevole, un blues enorme e totale, un viaggio su asfalto, sangue e polvere. Trasposizione sonora della performance video, musicale e in danza firmata da Tiziano Popoli per la musica e per il resto dal pittore e disegnatore fetish Roberto Baldazzini andata in scena nell’ottobre

Dark Oath – Ages of men

I Dark Oath sono un gruppo portoghese di death metal sinfonico con voce femminile e “Dark ages” è il loro secondo disco, dopo il debutto intitolato “When Fire Engulfs the Earth”.