Bologna Violenta – Bologna Violenta

Bologna Violenta – Bologna Violenta

One man band di elettro grind strumentale dal vivo, così definisce questo progetto Nicola Manzan, ovvero Bologna Violenta, anche se proviene da Bassano del Grappa (la grappa si sa, induce a cattivi comportamenti). Praticamente si tratta di ventisei canzoni, nessuna supera i ventisette secondi, arrivando a creare una sorta di continuum, quasi fosse un pezzo unico.

Come coordinate musicali potrei definirlo un elettro grind, comunque molto originale e peculiare. Il progetto è totalmente autoprodotto e comunque arriva alle 1200 copie di tiratura. Manzan richiama l’attenzione su un problema di non secondaria importanza; lui ha intrapreso l’autoproduzione dopo aver chiesto di essere pubblicato da piccole etichette: quest’ultime gli hanno chiesto tanti soldi, pur non dando nessuna garanzia in termini di promozione e distribuzione. Giusta scelta, poichè il cd è ottimamente prodotto, l’artwork molto bello e poi, io sono un fanatico di poliziotteschi … Per conoscere il lato violento della laida Bologna.

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

On Key

Related Posts

Still No One -This is fuel

Still No One -This is fuel: esordio discografico sulla lunga distanza per i trevigiani Still No One dal titolo “ This is fuel”, autoprodotto.

Casual Boots – Casual Boots

Casual Boots: a comporre questo ep fresco di uscita ci pensano quattro pezzi: l’agrodolce Flowers and Raindrops, la smithsiana Lost Things, la fiammata punk di Attitude (il mio brano preferito del lotto) e gli echi degli Housemartins  contenuti in Empty Room.

Memoriam – Rise to power

Atteso ritorno dei Memoriam, il gruppo death metal fondato dal cantante Karl Willetts ex dei Bolt Thrower  da Frank Healy bassista dei Benediction ed ex chitarrista dei Napalm Death, insomma la crema del death metal, coadiuvati molto bene da Scott Fairfax alle chitarre e Spike T. Smith alla batteria.

Cosa resta del duemilaventidue

  Un altro anno se n’è andato, portandosi dietro le scorie di dodici mesi costantemente vissuti al di sotto delle nostre possibilità, castrati da un contesto sociale che non riusciamo a modificare in alcun modo. I sogni anche per questa volta sono rimasti tali, immutati