Beneath The Storm – Temples Of Doom

Beneath The Storm – Temples Of Doom

Esordio per questa macchina da guerra sludge-doom composta da un uomo solo, lo sloveno Igor Shimon: il suo obiettivo è molto semplice, devastare tutto con brutale lentezza e profondità.

Registrato durante l’inverno del 2012, nel freddo trova la sua nicchia, scavando impervi cunicoli fatti di dolore e gelo. Ed è davvero un’opera sanguinolenta, un disco con solchi gelati e taglienti, dove la pesantezza si abbatte su di noi e ci fa piacere venire schiacciati da cotanto peso.
Ci sono molte influenze, poiché il sig.Shimon deve essere un ascoltatore onnivoro, una bestia ben curiosa. Nonostante le canzoni siano lunghe non ci si annoia mai, le soluzioni sono molteplici. Sludge, doom, stoner e tanto altro per un disco che segna il passo nella ricerca musicale che la neonata Argonauta Records sta compiendo.
Il disco uscirà in 300 copie con un formato sleeve di gran valore.

Tracklist:
1 A mournful sigh
2 Hunting the storm
3 Drifting
4 The dungeon
5 Away

www.argonautarecords.com

BENEATH THE STORM – Facebook

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

On Key

Related Posts

Märvel – Double Decade

Grandissimo ritorno degli svedesi Märvel uno di gruppi di hard rock scandinavi più longevi ed apprezzati, e il perché del loro successo è racchiuso in questa doppia raccolta celebrativa.

Tigre - Contro Tigre

Tigre – Contro Tigre

Ad aggiungersi alla prestigiosa lista dei portabandiera di un qualcosa che è molto di più di un genere musicale ci pensano i Tigre che, con i quattro pezzi di questo mini, segnano il loro primo rumoroso vagito.

Eyeless In Gaza – Photographs as memories

Ristampa della meritoria Spittle Records del primo disco del 1981 degli inglesi Eyeless in Gaza, nome tratto da una novella di Aldous Huxley, uno dei gruppi culto degli anni ottanta e non solo. Questa ristampa rende giustizia ad un disco troppo spesso sottovalutato e relegato negli episodi minori del grande gruppo britannico.