iye-logo-light-1-250x250
Webzine dal 1999
Cerca
Close this search box.

Recensione : The Psyched – The Psyched

The Psyched - The Psyched: Caciara, rabbia, e depravazione. È un suono corrosivo, sporco, ruvido, pesante e rumoroso quello che esce dalle casse de...

The Psyched – The Psyched

Caciara, rabbia, e depravazione. È un suono corrosivo, sporco, ruvido, pesante e rumoroso quello che esce dalle casse dello stereo non appena inserito l’album d’esordio dei The Psyched. Una banda di depravati che viene da Brooklyn con l’idea fissa in testa di suonare una versione caciarona, distorta e incredibilmente hard di garage rock e psichedelia. I padri putativi sono gli Oblivians (quelli di un pezzo come The Leather, per esempio), ovvio, ma anche gli White Stripes (Good Boy) e, udite udite, gli Electric Wizard e Blue Cheer (!).

Il risultato di queste influenze è una collezione di garage punk mid-tempo annegati sotto tonnellate di fuzz che incedono con pesanti passi heavy-blues. L’effetto è spiazzante, se non avete familiarità con i generi sopracitati. Ma nel caso foste dei folli amanti del rumore come il sottoscritto capita anche che questa band di depravati vi sembri IL Salvatore, IL Messia (profano) che viene a salvarvi il culo dalla noia buttandovi a pedate in mezzo al fango, al sudore e al pogo. Ingredienti che si abbinano bene a pezzi come New Direction, psycho boogie malato e corrosivo che ti sfronda i timpani con muri di fuzz e distorsione e ti violenta i neuroni con rasoiate d’organo. O con I’m Psyched, un heavy-blues trattato con carta vetrata, acido e prepotenza punk.
Quello che viene dopo non è certo da meno, in termini di potenza corrosiva e devastante. Dal mare di fuzz emergono altri pezzi interessanti come Cut The Chord, un rock’n’roll ruvido e tagliente che aggredisce l’ascoltatore con un riff blues marcio fino al midollo e una schietta carica punk rock (il pezzo migliore dell’album insieme a I’m Psyched), Rubber Gloves e la finale Bring It, che riesce a trasformare un pop di matrice 60s in un perfetto garage punk sguaiato e malamente ubriaco. E si nota in generale una capacità cristallina (vabbe’, insomma…) di scrivere melodie accattivanti e abbinarle a riff caldi come le fiamme dell’inferno. Forse mi avrà dato di volta il cervello ma secondo me questo, per quanto acusticamente insopportabile, è uno dei dischi garage punk più riusciti dell’anno.

TRACKLIST:
1. New Direction
2. I’m Psyched
3. Good Boy
4. Oh Yeah
5. Cut The Chord
6. Hey Mona
7. Rubber Gloves
8. Finishing Touches
9. Bring It (On Home To Me)

LINE-UP:
Paul Weil: batteria, voce
Anthony Macbain: chitarra, organo, basso, voce
Jess Ludwicki: basso

The Psyched-The Psyched

Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE

Emma Tricca - Aspirin Sun_cover

Emma Tricca – Aspirin Sun

Emma Tricca – Aspirin Sun : «Aspirin Sun» è un disco mattutino: di folk psichedelico mattutino, forse un po’ insonne. È folk cinematografico, se mi passate il termine, ideale colonna sonora di un vecchio film

Deerhoof - Miracle-Level_cover

Deerhoof – Miracle-Level

Tolti i testi, di cui la maggior parte di noi non capirà un acca, la musica è quella dei Deerhoof che abbiamo imparato ad amare, appena appena più pop e diretta di quella fuoriuscita dalle prove precedenti, ma sempre piacevolmente unica e bislacca.

Pamplemousse - Think of It_cover

Pamplemousse – Think of It

Think of It è un disco noise rock in bianco e nero, analogico fin dalla coperta, costruito su fondamenta di accordi in minore, riff fuzzosi che si avvolgono e si svolgono in continuazione come quelli di chi sapete voi, accompagnati da un battito preciso e minimale, che dà un solido contributo a sostenere l’architettura e dare groove alla materia.

Tropical Fuck Storm - Submersive Behaviour_cover

Tropical Fuck Storm – Submersive Behaviour

È qui e richiede attenzione, perché i Tropical Fuck Storm hanno dimostrato più volte di saper far bene, di saper maneggiare il rock (alternativo, indie, noise, quello che volete) meglio di tanti altri – ma direi di quasi tutti.