iye-logo-light-1-250x250
Webzine dal 1999
Cerca
Close this search box.

Recensione : Sorrow’s Path – The Rough Path Of Nihilism

I Sorrow’s Path aggiungono alla matrice doom sonorità dark e, soprattutto, power-prog per un album vario in grado di farsi ascoltare piacevolmente

Sorrow’s Path – The Rough Path Of Nihilism

The Rough Path Of Nihilism è l’esordio dei greci Sorrow’s Path, combo che, alla matrice doom, aggiunge sonorità dark ma, soprattutto, power-prog per un album vario che si fa ascoltare piacevolmente.

Si parte con l’opener All Love Is Lost pezzo diviso in due parti che, dopo un intro acustica, si dipana in un vortice dark-prog che sarà il tema ricorrente di tutto l’album. Doom sì, ma anche tanto power pure in The Beast e nella metallica Honestly….
Le influenze sono molteplici: Solitude Aeturnus e Crimson Cult nelle parti più doom, mentre nei pezzi piu’ tirati, come in Queen Of Doom ricordano, anche per i molti cambi di tempo, la power prog band norvegese Communic.
Hymn Of Differentiation, candidato a mio parere a pezzo più riuscito dell’album sorprende per gli echi di power metal americano molto vicino ai Metal Church ma con un’impronta molto Candlemass nell’incedere.
Il vocalist Angelos Ioannidis, sempre molto drammatico e malinconico nelle sue parti e più a suo agio nei toni medio bassi piuttosto che in quelli alti, ricorda Aaron dei My Dying Bride, ancora lontano però dal carismatico vocalist britannico, pezzo da novanta del doom- gothic europeo.
Il disco comunque è discreto e ben suonato anche se un pò troppo derivativo ma riesce comunque a regalarci spunti interessanti lungo la sua ora di durata.

Va considerato, comunque, che The Rough Path Of Nihilism è uscito nel 2010 ma è giunto a noi solo ora grazie al recente sforzo promozionale profuso dalla band che, comunque, si sta accingendo a far uscire il nuovo album che dovrebbe intitolarsi “Doom philosophy”.
Se i Sorrow’s Path riusciranno a correggere quei pochi difetti il nuovo lavoro potrebbe rivelarsi una piacevole conferma!

Track list:
1. All Love Is Lost
2. The Beast (S.P.R.)
3. Honestly…
4. Fetish
5. Dirty Game
6. Mr. Holy
7. Getting Closer
8. Queen of Doom
9. Prostitute
10. Hymn of Differentiation
11. Empty Eyes and Blackened Hearts
12. Nihilism

Kostas Salomidis – Guitars
Angelos Ioannidis Vocals
Stavros Giannakos – Bass
Fotis Mountouris – Drums
Giannis Tziligkakis – Guitars

SORROW’S PATH – Facebook

Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE

Kensington – Control

La band capitanata da Casper Starreveld ha creato un album che ha il destino già scritto prima di arrivare all’orecchio dei fans, una raccolta di canzoni pregna di atmosfere melanconicamente melodiche, con più di un riferimento al rock alternativo degli ultimi vent’anni, molto britannico concettualmente, ma assolutamente già sentito sui canali e radio specializzate in musica e cultura indie.

The Pier – The Pier

Per gli amanti del genere un album da ascoltare a più riprese, ed una band da seguire visto l’enorme potenziale artistico.

Somnium Nox – Apocrypha

Con coraggio e personalità i due musicisti australiani incorporano in un’unica opera quella che è stata l’evoluzione del genere dagli ormai lontani primi anni novanta