Posts in category

recensioni



La crema della scena garage/mod inglese e italiana riunita per un ottimo singolo

Condivisioni 4
Share

Una proposta al solito difficile ma affascinante

Condivisioni 17
Share

“una sottile patina luccicante ricopre la lega poco pregiata che costituisce la reale anima di questa epoca” Questa libro è stato scritto da Mattia Ferraresi nato in Lombardia ma vive a New York, da dove racconta l’America come corrispondente per «Il Foglio». Suoi articoli sono apparsi su «Panorama», «Rolling Stone», «Il Giornale» e altre testate. …

Condivisioni 2
Share

La maestria dei Pia Fraus sta nel rendere il dream pop un genere ancora accattivante e ricco di invenzioni, per cui i vari umori infusi nelle canzoni appaiano nuovi e appetibili ad ogni ascolto. Inglobando esperienza e maturità compositiva il bel FIELD CEREMONY allunga la vitalità di un gruppo che si affaccia alle pendici del mito.

Condivisioni 12
Share

Quinto album per gli Api Uiz trio Francese dislocato a Bordeaux in formazione dal 1995.

Condivisioni 9
Share

Tutti i brani sono pervasi da un’energia ed una violenza tale ke mi fanno rimpiangere di essermeli persi dal vivo lo scorso anno.

Condivisioni 25
Share

In ogni caso non c’è spazio x riempitivi,ogni pezzo vale la pena di essere ascoltato e ballato e poi riascoltato…

Condivisioni 3
Share

Album d’esordio, molto riuscito, di un grande personaggio del rock italiano

Condivisioni 4
Share

E questo disco uscito nel lontano’95 lo dimostra:garage-punk grezzo come dev’essere,voci filtrate dagli ampli,fuzz e reverbero appalla.

Condivisioni 23
Share

Questo è 1 capolavoro x gli amanti del blues + malato,+ alcolizzato e marcio,punk nel vero senso del termine.

Condivisioni 11
Share

Drive Radio è la miglior radio in rete per quanto riguarda suoni che spaziano dal synthwave all’elettronica anni ottanta, suoni potenti con un forte immaginario tra fantascienza, telefilm anni ottanta e manga.

Condivisioni 2
Share

Ricetta x 1 pranzo tranquillo:una bottiglia di bonarda,crostini di gamberetti ed 1 disco intriso di american roots:”GLAD’N’GREASY” dei BEAT FARMERS,1986.

Condivisioni 20
Share