Scoposki – Wild Wave

Scoposki – Wild Wave

Beato quel popolo che non ha bisogno di eroi.

Si fotta Bertold Brecht da oggi, a dire il vero da quando mi è stato recapitato questo cd, un eroe ce l’ho si chiama Massimo Scoponi in arte Scoposki. Si tratta di uno di quei geniali esseri umani appartenenti alla categoria da me adorata degli one man band ma, al contrario dei suoi stimatissimi colleghi, la sua musica non è per nulla uniforme, forse l’unica pecca che si può imputare agli altri monobanda, ma al contrario nei cinque brani di questo suo mini cd dimostra un eclettismo a tratti sorprendente. Provare per credere; si comincia con Blues Killer che, come accennato dal titolo, è un blues lo-fi sporco e minaccioso, si prosegue con Grindhouse un pezzo pop psichedelico molto sixties, si passa poi a Mistery Girl, affascinante pezzo caratterizzato da continui cambi di atmosfere che mi ha ricordato i grandissimi Violent Femmes, a ruota viene Blow Up Doll, minimale ed ossessiva ma per nulla pesante anzi a suo modo anche pop chiude il tutto la bellissima Fire’N’Ice, una canzone che non avrebbe sfigurato su un album della K Records. Per chi, come il sottoscritto, ama visceralmente il rock’n’roll più vero e genuino, numerosi sono stati i dischi apprezzabili ascoltati in questo primo scorcio del 2016 ma questo Wild Wave è quello che mi ha più (piacevolmente) colpito. Caro Scoposki non so se questo ti cambierà la vita, anzi ne dubito fortemente, ma sappi che io ti voglio tanto bene!

TRACKLIST
1) Blues Killer
2) Grindhouse
3) Mystery Girl
4) Blow Up Doll
5) Fire’n’Ice

SCOPOSKI – facebook

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

On Key

Related Posts

Madhouse – Secret antithesis

Terzo disco per i Madhouse capitanati dalla cantante cantante Federica Tringali e dal chitarrista Filippo Anfossi, il titolo è ” Secret antithesis” ed esce per Nadir Music. La proposta musicale dei Madhouse è un metal moderno e fresco, con rimandi gotici in alcuni passaggi.

Mudhoney, ad aprile il nuovo album. Condiviso il primo singolo

Dopo un silenzio discografico durato quattro anni (escludendo split singles e la ristampa espansa del 2021 per il trentennale di “Every good boy deserves fudge”, infatti, risale al 2019 l’ultima pubblicazione di materiale ufficiale, l’Ep “Morning in America”) tornano i Mudhoney

Still No One -This is fuel

Still No One -This is fuel: esordio discografico sulla lunga distanza per i trevigiani Still No One dal titolo “ This is fuel”, autoprodotto.

Casual Boots – Casual Boots

Casual Boots: a comporre questo ep fresco di uscita ci pensano quattro pezzi: l’agrodolce Flowers and Raindrops, la smithsiana Lost Things, la fiammata punk di Attitude (il mio brano preferito del lotto) e gli echi degli Housemartins  contenuti in Empty Room.